martedì 15 marzo 2011

Cometa Elenin in arrivo, fuffari scatenati

Provate a cercare su google le parole chiave cometa Elenin (o Elenin comet). I risultati saranno decisamente interessanti e inquietanti. Riporto soltanto alcuni titoli:
  • Pianeta X, Nibiru e cometa Elenin - la Russia in stato di allerta
  • La cometa Elenin causa del terremoto in Giappone?
  • Cometa Elenin, nuova minaccia per la Terra
  • Elenin Comet to Cause Pole Shift Soon?
  • Elenin Comet: Smokescreen for Nibiru/Planet X?
  • UFO nella coda della cometa!
E poi ci sono i Maya, il 2012, Nostradamus, ecc. Qualcuno addirittura dice che ELENIN sarebbe un acronimo per Extinction Level Event Nibiru Is Near...

È davvero così?

Il 10 dicembre 2010 l'astronomo russo Leonid Elenin ha scoperto una nuova cometa e l'Unione Astronomica Internazionale (IAU) gli ha consentito di battezzarla col proprio nome, come si usa in questi casi. Questo sfata la prima leggenda, quella sul nome.

Link rapidi
I dati orbitali dicono che in questo momento si trova a 316 milioni di km dalla Terra e a 465 milioni di km dal Sole. Ha attraversato da poco la cintura degli asteroidi ma è ancora oltre l'orbita di Marte. Raggiungerà il perielio (la distanza minima dal Sole) il 10 settembre 2011, passando a circa 0,48 Unità Astronomiche dal nostro astro (l'Unità Astronomica - U.A. - è la distanza media della Terra dal Sole), circa 71,8 milioni di km. Rimarrà di poco al di fuori dell'orbita di Mercurio.

Se i dati orbitali rimanessero quelli attuali, dopo questa visita la Elenin sarebbe destinata a disperdersi nello spazio profondo perché la sua orbita al momento risulta aperta. Però si prevede che l'influenza gravitazionale dei grandi pianeti gassosi (Giove, Saturno, Urano e Nettuno) arriverà rallentare leggermente la cometa chiudendone così l'orbita. L'afelio (la massima distanza dal Sole) sarà dunque intorno alle 1000 Unità Astronomiche ("mille, numeri che fan girare la testa") e l'orbita verrebbe percorsa in più di 10.000 anni. Questi numeri sono probabilmente destinati a cambiare anche sensibilmente man mano che i parametri orbitali andranno definendosi meglio.

Nel suo tuffo all'interno del Sistema Solare poco dopo la metà di ottobre passerà alla distanza minima di 0,23 U.A. (circa 34 milioni di km) dal nostro pianeta alla notevole velocità relativa di 23 km/s. Non c'è dunque nessun rischio di impatto. Il tracciato provvisorio della sua orbita è qui.

Astronomicamente parlando si può dire che ci passerà da vicino, ma si tratta comunque di una delle centinaia di comete che ogni anno sfilano per il sistema solare interno. L'osservatorio solare automatico SOHO da quando è in orbita ne ha scoperte più di 2000. Ha festeggiato la sua duemillesima cometa due settimane dopo quella scoperta da Elenin.

A differenza delle sue anonime sorelle la cometa Elenin probabilmente sarà visibile a occhio nudo e anche se al momento è difficile prevedere quanto sarà luminosa. Si azzarda una magnitudine 3 ma è ancora troppo lontana e quando una cometa passa vicina al Sole può accaderle di tutto. Gli appassionati di astronomia alle nostre latitudini incrociano le dita e sperano in uno spettacolo memorabile come quello della grande cometa Hale-Bopp che nel 1997 fece rimaner tutti col naso all'insù per alcune settimane parecchi mesi.

Ecco un'animazione di quello che potrebbe accadere:
L'orbita più interna è quella di Mercurio. Seguono Venere, Terra e Marte. La coda della Elenin è volutamente molto accentuata. L'inclinazione della sua orbita rispetto quella terrestre è minima, meno di 2°, per cui l'azione avviene praticamente sullo stesso piano.

- Per una simulazione più aggiornata clicca qui -

C'è dunque una differenza tra la Elenil e le tante comete che affollano il sistema solare: la Terra potrebbe venire investita dalla sua coda. Dobbiamo preoccuparci?

Cos'è una cometa?

Due nuclei cometari: quello attivo della
Halley e quello congelato della Wild 2
Una cometa è un corpo celeste composto principalmente da ghiaccio d'acqua, rocce, polveri e da varie sostanze come azoto, idrocarburi, formaldeide, ammoniaca, anidride carbonica, monossido di carbonio e altro ancora: tutta roba normalmente presente sulla Terra .

Non hanno una forma regolare, la loro densità media è vicinissima a quella dell'acqua e le loro dimensioni possono variare da un centinaio di metri fino forse a un centinaio di km. Il diametro della grande cometa Hale-Bopp era una sessantina di km (con un'approssimazione di più o meno 20 km).
Orbita di una cometa. Le code sono sempre in direzione opposta rispetto al Sole
Mentre le orbite dei pianeti sono quasi circolari, più o meno complanari e vengono percorse a una velocità quasi costante in modulo, quelle delle comete sono molto eccentriche (cioè schiacciate e con una grande differenza tra perielio, molto vicino al Sole, e afelio, molto lontano), possono provenire da qualunque direzione e la velocità di percorrenza è molto più alta al perielio che all'afelio.

Finché è lontana dal Sole la cometa è completamente ghiacciata e invisibile, essendo molto piccola, distante e scura: è infatti ricoperta dallo stesso strato di polvere (regolite) che ricopre anche la Luna, altri satelliti del sistema solare e gli asteroidi. Per un occhio non esperto le comete finora visitate da sonde automatiche non hanno un aspetto troppo diverso dagli asteroidi. In queste condizioni la cometa è ridotta al proprio nucleo.

Quando si avvicina al Sole comincia a "scaldarsi". Le sostanze al suo interno cominciano a evaporare (sublimano, passando direttamente dallo stato solido a quello gassoso), vengono sparate nello spazio a grande velocità e intorno al nucleo comincia a formarsi una specie di atmosfera, molto tenue ma estremamente estesa (anche un milione di km) detta chioma. La luce solare illumina la chioma e la cometa diventa visibile.
La cometa Hale Bopp, nel 1997
Man mano che il vento solare diventa più intenso, l'emissione di gas aumenta e la chioma viene soffiata in direzione opposta al Sole. Si forma una coda di gas ionizzati che può esser lunga anche centinaia di milioni di km. La maggiore attività fa sì che i gas vengano espulsi più violentemente portando con se delle polveri.

Si tratta di frammenti letteralmente microscopici. Pochissimi riescono ad arrivare al grammo di peso.

Queste polveri riflettono maggiormente la luce solare rispetto al gas. La cometa diventa più luminosa. Inoltre le polveri sono meno influenzate dal vento solare rispetto il gas ionizzato e la coda di polveri può separarsi da quella di gas. La cometa avrà due code, una diritta e meno luminosa formata da gas ionizzati (plasma) e un'altra, curva, formata di polveri.

Quello che vediamo di una cometa sono dunque la chioma e la coda (o le code). La prima volta che è stato osservato un nucleo cometario fu nel 1986, quando la sonda Giotto passò a 600km dal nucleo della cometa di Halley.

Da dove vengono e dove vanno?

Il fatto che una cometa perda gas e polveri cosa comporta? Che si consuma, ovviamente. Le polveri più fini e i gas ionizzati vengono sparpagliati nello spazio interplanetario. Le particelle più grosse non vanno molto lontane dal nucleo, e rimangono lungo l'orbita. Ogni tanto un'esplosione di gas più forte sparpaglia lungo l'orbita pezzetti ancora più grossi. Il nucleo può spezzarsi in più parti e le forze mareali del Sole o di passaggi ravvicinati sui pianeti fanno il resto. Dopo un certo numero di orbite, della cometa rimangono un piccolo nucleo roccioso e miliardi di frammenti sparpagliati lungo la sua orbita. Una cometa ha una vita molto corta, rispetto un pianeta.

Ma se si esauriscono così in fretta, da dove vengono? Il Sistema Solare ha cinque miliardi di anni: com'è possibile che ci siano ancora comete dopo tutto questo tempo?
La nube di Oort. Al suo interno la cintura di Kuiper, che si estende
per 25 U.A. oltre l'orbita di Nettuno - il pianeta più esterno del sistema solare -
e contiene asteroidi e pianeti nani come Plutone, Sedna, Eris, ecc
Ci sono buone ragioni per pensare che le comete vengano da un immensa riserva agli estremi confini del Sistema Solare, quel che resta della nube originaria di gas e polveri che diede origine al Sole, alla Terra e agli altri pianeti. Questo probabile (ma ancora ipotetico) deposito di palle di neve si chiama nube di Oort. Sarebbe un guscio sferico situato tra le 2.000 e le 50.000 U.A. dal Sole, composto da miliardi e miliardi di questi nuclei cometari. Ogni tanto qualche interazione gravitazionale (cfr. "spingitori di comete, su rieduchescional channel") perturba questa nube, e qualche proiettile impazzito viene sparata via. Alcune verranno lanciate verso il sistema solare interno e dopo centinaia di migliaia di anni le vedremo comparire nei cieli notturni con le loro code diafane.

In che modo una cometa può interagire con la Terra?

Cominciamo a dire in che modo non potrebbe interagire.

Le comete sono corpi celesti piccoli rispetto i pianeti. Sono troppo piccoli per avere qualche effetto gravitazionale sul nostro pianeta (è vero il contrario!) e non hanno un campo magnetico (dunque nessuna influenza di quel tipo).

Per quello che riguarda la massa, se la Elenin fosse una cometa di dimensioni medie con un diametro sui 10 km, considerando una densità pari a quella dell'acqua (di solito sono meno dense), arriveremmo a una massa di 523 miliardi di tonnellate.  Sembra tanto, ma la massa della Terra è oltre 10 miliardi di volte superiore.

La sua influenza gravitazionale sul nostro pianeta alla distanza minima di 30 milioni di km (arrotondati per difetto) è circa quella di un oggetto di 25 mila tonnellate sulla superficie terrestre (e dunque a circa 6.380 km dal centro di gravità del pianeta, arrotondati per eccesso): una portaerei ha una stazza di circa 100.000 tonnellate. [ 2/6/2011: se non vi basta, ecco come difendervi dalle comete assassine col solo ausilio di una mela ].

Non si capisce dunque come la Elenin potrebbe causare un terremoto o modificare il campo magnetico terrestre.

[ 8/5/2011: ho corretto i calcoli, tutti ampiamente sbagliati per eccesso ]

Impatto

Sono però sufficientemente massicci per fare danni enormi colpendo il nostro pianeta. Ne ho parlato nell'articolo "Apophis, la fine del mondo nel 2036?". Se una cometa delle dimensioni della Hale-Bopp colpisse la Terra, le conseguenze sarebbero apocalittiche (qui una previsione). A 5000 km dal punto di impatto l'onda d'urto farebbe crollare gli edifici in muratura e spianerebbe il 90% degli alberi. Le polveri alzate dall'impatto rimarrebbero sospese nell'atmosfera per anni, portando a un lunghissimo e freddissimo inverno che decimerebbe i pochi animali ed alberi che si fossero salvati. Saremmo di fronte a una grande estinzione di massa.

Per fortuna gli impatti con le comete, specie con quelle grandi, sono relativamente rari. Nello specifico, se i dati orbitali sono corretti, non c'è rischio che la cometa Elenin ci colpisca almeno per i prossimi 10.000 anni.

Frammentazione del nucleo

Capita relativamente spesso che il nucleo di una cometa si frantumi per effetti di marea passando vicino al Sole o a un pianeta. Le foto scattate dalle sonde automatiche ai nuclei cometari fanno pensare che alcuni siano composti da più blocchi tenuti insieme dalla gravità. Questo spiegherebbe la relativa facilità con cui si frantumano.

L'idea di venire colpiti da uno di questi frammenti non è fantascienza. Si ipotizza che l'evento Tunguska, il corpo celeste che nel 1908 esplose sopra i cieli siberiani liberando una potenza di più di 10 megatoni, potesse essere un pezzo della cometa periodica Encke.

Fortunatamente la Elenin non passa troppo vicino al Sole, rimanendo fuori dall'orbita di Mercurio, per cui non dovrebbe correre questo rischio.

Inoltre, anche se si spezzasse, i frammenti continuerebbero a muoversi sulla stessa orbita, senza disperdersi in tutte le direzioni. Quindi, almeno per questo giro di giostra (di qui a 10.000 anni) nemmeno la frammentazione ci metterebbe a rischio.

Polvere di stelle

La cometa Swift-Tuttle
Un altro tipo di interazione può essere con la coda della cometa. Cosa succederebbe se la Terra attraversasse la tenue coda di gas e di polveri di una cometa?

Ogni anno, ad agosto, i telegiornali che non hanno argomenti (o che vogliono parlar d'altro) ci massacrano i maroni con le Lacrime di S. Lorenzo.

Le Lacrime di S. Lorenzo, o Perseidi, sono pezzetti della cometa Swift-Tuttle, passata l'ultima volta al perielio nel 1992 (la prossima sarà nel 2126).

L'orbita della Terra incrocia infatti le orbite di diverse comete, alcune delle quali completamente sgretolate ed esauste, e quando la Terra percorre una di queste zone le "briciole" di cometa illuminano la notte con le loro scie. Tutte le piogge periodiche di meteoriti sono formate da piccolissimi frammenti di cometa.

In effetti la Terra passa indenne attraverso del materiale cometario più volte all'anno.

Perché la Elenin dovrebbe essere diversa dalla Swift-Tuttle o da tutte le altre comete?

Pandemia cometaria

Spesso si sente dire che le comete potrebbero aver portato la vita sulla Terra. La congettura dei catastrofisti è che così come hanno portato la vita, potrebbero portare anche la morte.

Sicuramente hanno portato molta acqua. Inoltre contengono molecole organiche complesse, e dunque hanno portato sul nostro pianeta alcuni dei mattoni fondamentali della vita in quantità. Di questo possiamo avere una relativa certezza, ma quella delle comete cariche di batteri è una congettura.

Vita dallo spazio?
Finora la vita non è mai stata trovata al di fuori del nostro pianeta. Di recente un ricercatore della NASA ha annunciato di aver individuato un possibile batterio, ma finché l'osservazione non sarà confermata da fonti indipendenti non potrà essere considerata una scoperta.

Un batterio, per arrivare sulla Terra non potrebbe trovarsi nella chioma o nella coda di una cometa, dove verrebbe sterilizzato dal vento solare e dalle radiazioni prima e cotto dal rientro nell'atmosfera terrestre poi. Non potrebbe nemmeno stare sulla sua superficie ma ben protetto al suo interno. Dunque la cometa dovrebbe cadere sulla Terra e abbiamo già visto che questo non avverrà.

Se poi fosse vera l'ipotesi della panspermia e davvero la vita sulla Terra fosse arrivata tramite le comete o gli asteroidi, oggi un antico batterio di 5 miliardi di anni fa troverebbe un ambiente completamente diverso da quello in cui i suoi fratelli attecchirono: acqua con salinità e temperatura diverse, tanto ossigeno nell'aria, un terreno diverso, molti meno idrocarburi. I batteri estremofili muoiono se portati nel nostro ambiente, esattamente come moriremmo noi se fossimo lasciati senza protezione nel loro.

Resta poi da capire per quale motivo questi batteri dovrebbero essere nocivi. Se si sono sviluppati nella Terra delle origini, dove non c'erano organismi pluricellulari o animali complessi come siamo noi, probabilmente si nutrivano di altre sostanze.

C'è un UFO nella coda!

Su moltissimi siti fuffari e ufettari sta spopolando una notizia clamorosa riguardante la cometa Elenin, che suona più o meno così:
«Sulla base delle relazioni pubblicate dalla agenzia spaziale cinese, Sergio Toscano,  direttore Ricerca Astronomica (qualunque cosa significhi, i fuffari questo hanno scritto), sostiene che dietro la Comet Elenin potrebbe esserci un UFO o addirittura una flotta di UFO.

Secondo il rapporto citato dall’astronomo, dietro al corpo celeste sarebbero stati notati dei misteriosi segnali provenienti da una strana formazione oscura.

Dietro la cometa, scoperta nel dicembre dello scorso anno, gli scienziati cinesi sostengono ci sia qualcosa che chiamano cluster, il che significa un ammasso globulare o forse un’astronave nave aliena».
A questo argomento tragicomico (si veda il prossimo paragrafo per la parte tragica) ho dedicato un apposito articolo (qui).

Self fulfilling prophecy?

Esiste un altro modo, molto più subdolo, in cui una cometa potrebbe influenzarci. Le self fulfilling prophecies sono quelle profezie che si avverano a cause di se stesse: si auto-avverano. La cometa Elenin potrebbe effettivamente essere portatrice di sventura.

I suicidi della Hale-Bopp
Nel 1997, quando passò la cometa Hale-Bopp, gli adepti della setta Heaven’s Gate, 39 persone, si riunirono in una villa vicino a S. Diego, in California, si stesero nei loro letti a castello dopo una cena a base di torta di mele, wodka e barbiturici, e si addormentarono con un sacchetto di nylon sul capo stretto intorno al collo, convinti che le loro anime sarebbero partite «verso l’astronave dietro la cometa di Hale Bopp, segno del nuovo avvento di Cristo» (La Repubblica e Il Corriere della Sera del 28/3/1997). Di certo, nessuno di loro si svegliò più.

Questo è sicuramente il modo più devastante in cui la cometa Elenin potrebbe interagire sul pianeta terra: alimentare la stupidità, la superstizione e il fanatismo.

Concludendo...

Per quel che si sa ora la cometa Elenin:
  • non è in rotta di collisione con la Terra;
  • non influirà sul campo magnetico terrestre;
  • non causerà terremoti;
  • non porterà batteri letali;
  • non avvelenerà la nostra atmosfera.
Ma anche prescindendo da queste conclusioni, pensate un attimo agli attori di questo confronto.

Da una parte abbiamo quelli che osservano il cielo per lavoro o per diletto, lo studiano, fanno fotografie astronomiche bellissime scoprono comete e asteroidi e sanno prevedere che traiettorie seguiranno e quando torneranno. Questi mordono il freno e sperano che questa cometa ci regali uno spettacolo mozzafiato, di quelli che riempiono i visi di meraviglia e fanno sognare a occhi aperti grandi e bambini.

Dall'altra abbiamo quelli che il cielo lo guardano ma non lo vedono e non lo conoscono, sproloquiano di cose di cui non hanno un'idea , vedono complotti ovunque e profetizzano sfighe immense.

Voi a chi dareste credito? A chi vi propone un cannocchiale in cui guardare o a chi pretende di essere creduto sulla parola quando dice che i primi sono tutti al servizio dei "cattivi"?



Approfondimenti:
  • Bright Prospects for Comet Elenin? (blog, di Sky and Telescope)
  • The passage of comet C/2010 X1 (Elenin) through the Main Asteroid Belt (SpaceObs.org)
  • Influence of giant planets on the orbit of comet C/2010 X1 (SpaceObs.org)
  • Comets - Relics from the birth of the Solar System (Björn Davidsson, Università di Upssala, Dipartimento di Fisica e Astronomia , "What is a comet?")
  • FAQ della NASA sul Near Earth Object Project (NASA)
  • NASA, Ask an Astrobiologist (question 14416)
  • Genesis of a comet (NASA-JPL CalTech)
  • Elementi orbitali delle comete più importanti (NASA-JPL)
  • FAQ della missione Rosetta dell'ESA, diretta all'esplorazione di una cometa (Rosetta FAQ, ESA)

    120 commenti:

    1. Grande! post interessantissimo!

      volevo anche segnalarti questo interessante sito con tutte le bufale sulla data della fine del Mondo:
      http://alieniemisteri.altervista.org/fine_del_mondo.htm

      RispondiElimina
    2. Grazie Lotho.

      La conoscevo quella pagina. Me l'ero pure scaricata pensando di "annotarla" con i link ai riferimenti (certe voci davvero lo meriterebbero) ma ci sono talmente tante date che impiegherei troppo.

      In ogni caso prima della fine del mondo c'è tempo per cui ... chissà?

      RispondiElimina
    3. un' ultima cosa Gabriele, Tu sai cos'e' stato l'allineamento dei pianeti del 1982?
      Non mi capacito come un semplice fenomeno astronomico avrebbe dovuto scatenare la fine del mondo.
      Ricordo solo vagamente il periodo avevo 10 anni

      RispondiElimina
    4. Scaricati e installati Celestia. È un simulatore spaziale gratuito piuttosto divertente da usare. È anche ragionevolmente preciso, il che non guasta. Imposti la data dal menù e lavorando di mouse, rotellina, tasti freccia e tasti alt/ctrl (tutto spiegato nel menù Aiuto->Controlli) e col menù "navigazione" riesci presto a "dominarlo". Con questo programma riuscirai, con buona precisione, a ricostruire la situazione fino a qualche centinaio di anni avanti e indietro (entro i 2/3mila anni la precisione resta ragionevole ma oltre tutto va preso con le molle). Soprattutto, ti renderai conto anche visivamente di quali siano le distanze in gioco.

      Pare che nei primi mesi del 1982 i pianeti fossero dalla stessa parte del Sole, raccolti entro un angolo minore di 90°. Questo comporta qualche stress gravitazionale o magnetico particolare sulla Terra? No, basta fare i conti.

      Usi un foglio elettronico, ti procuri su wikipedia masse e distanze dei pianeti dal sole (occhio a trasformare i km in metri), calcoli la distanza minima dalla Terra, applichi la legge di Newton usando come corpi i singoli di pianeti e la Terra e confronti le forze in gioco.

      Molti catastrofisti non sanno come funziona la gravità. Basta aver studiato la legge di Newton alle superiori per capirlo, ma loro preferiscono non capirlo; e continuano a cianciare di effetti gravitazionali che potrebbero - a sentir loro - innescare terremoti, movimenti di faglie, spostamenti di poli e altre idiozie. Se non è la gravità è la forza magnetica (balla ancora più grande) o qualche altro effetto non meglio specificato. Ovviamente c'è chi su questa ignoranza ci
      marcia.

      L'argomento è trattato molto bene su BadAstronomy

      RispondiElimina
    5. Gabriele in realtà un rischio più concreto e con un fondamento scientifico lo stiamo correndo a causa di un possibile lampo Gamma
      :
      http://www.oort.it/index.php?s=articoli&id=19

      Ho visto il documentario a riguardo su Discovery.

      RispondiElimina
    6. Avevo letto. Pare comunque che non sia perfettamente allineata come le misurazioni ottiche sembrerebbero indicare. Avevo trovato una serie di link dai quali pensavo di tirar fuori un articolo, ma dopo aver perso la bozza per un reset del PC dovuto alla mia scheda grafica di m. (ora sostituita!) mi è passata la voglia. Metto qui i link:


      http://www.universetoday.com/23342/wr-104-wont-kill-us-after-all/

      http://www.cosmosmagazine.com/node/1878

      http://www.physics.usyd.edu.au/~gekko/wr104.html

      http://www.physics.usyd.edu.au/~gekko/pinwheel.html

      http://news.discovery.com/space/gamma-ray-wolf-rayet.html

      http://www.foxnews.com/story/0,2933,335186,00.html

      http://www.space.com/scienceastronomy/080310-mm-grb-us.html

      C'è da dire che se la supernova esplodesse in un periodo di tempo superiore ai 50/100mila anni andrebbe considerato anche il moto proprio del sole e di quella stella che potrebbe cambiare ulteriormente la situazione.

      RispondiElimina
    7. Il pericolo e' molto remoto ma sempre più reale del passaggio della cometa Elenin.
      A proposito di pericoli dallo spazio, sai se i ''fuffologhi'' hanno "previsto" qualcosa riguardo il ciclo solare ed eventuali emissioni di massa coronarica?
      In quanto penso che sia più pericoloso, almeno per la nostra tecnologia, una ripetizione remota ma possibile dell' Evento di Carrington pittosto che un passaggio di cometa

      RispondiElimina
    8. scusa ancora ultima segnalazione di caz..ta veramente spaziale:
      http://www.paid2write.org/altro/cometa_elenin_nibiru_17_ottobre_2011_ora_della_verita_12536.html

      nota anche i commento.

      RispondiElimina
    9. Sul ciclo solare hanno detto tutto e il contrario di tutto. Prima la tempesta solare che ci annienterà, poi la tempesta di raggi cosmici che ci annienterà. Poi è nuovamente tornata di moda la tempesta solare, ma non nel 2012: nel 2013.

      Il link che hai postato è veramente buffo. C'è da dire che sono soliti suonarsela e cantarsela. Sono tassativamente autoreferenziali. Se qualcuno gli dice che in Russia sarebbero preoccupati per il passaggio della cometa, a questi non salta in mente di verificare se è vero: ci credono e basta. Tra l'altro, chissà perché, ad essere preoccupati sono sempre popoli con alfabeti diversi dal nostro (il che rende le verifiche un po' più complesse).

      RispondiElimina
    10. Si si ... quelli come voi sono quelli che stringeranno di più

      RispondiElimina
    11. Beh, tu "stringi" già ora, visto che non hai nemmeno il coraggio di firmarti.

      P.S. scarsina forte come trollata

      RispondiElimina
    12. La certezza del sapere penso sia una grande presunzione, se non lascia spazio al dubbio ed all'incomprensibile. Davanti a così interessanti e logiche argomentazioni mi viene solo da pensare all'arguzia contenuta in quella frase di quel gran genio di Skakespeare :
      Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia.

      RispondiElimina
    13. Verissimo, ma quali sono secondo te gli strumenti per indagare le cose in cielo e in terra?

      Se ci si limita all'immanente hai alternative sensate al metodo scientifico?

      E' vero che la scienza è ben lontana da poter spiegare tutto, ma d'altra parte non è che qualcosa diventi immediatamente possibile solo perchè ci si crede. Altrimenti si rischia di cadere nel paradosso della Teiera di Russel. E - come dicevano i romani - onus probandi incumbit ei qui dicit.

      Proprio perchè la nostra conoscenza dell'universo è limitata, da chi predica pianeti assassini e sciagure astrali per il passaggio di una cometa mi aspetto prove e spiegazioni logiche, oltre che congetture.

      Altrimenti preferisco le previsioni della scienza. Sono basate su conoscenze limitate, ma almeno tendono ad avversarsi.

      RispondiElimina
    14. La grande stella bruciera' per 7 giorni
      Lo sciame fara' due soli apparire
      Il grosso mastino urlera' per tutta la notte
      quando il grande Pontefice cambiera' paese.

      Ora secondo san Malachia rimane un solo pontefice dopo quello attuale e cioe' Benedetto XVI.Quindi io credo che la cometa che dovra' colpire la Terra arrivera' nel pontificato di uno dei due dato che nella quartina della cometa si fa riferimento a un Papa che fugge da Roma.Sara' Elenin la cometa?

      RispondiElimina
    15. A parte il fatto che la quartina di cui sopra è di Nostradamus e non di Malachia, esiste un solo motivo valido per cui dovrei credere a uno dei due? Anche un motivo piccino piccino?

      Soprattutto, è mai possibile che ogni volta che passa una cometa ci sia qualcuno che tira fuori sta roba qua?

      RispondiElimina
    16. Va be' aspettiamo e vediamo.

      RispondiElimina
    17. Gabriele ti posto un articolo del Correre del 1996:

      La cometa "portaguai" Profezia ebraica: "Saddam attento". Arriva l' eclissi I due fenomeni insieme secondo i cabbalisti segnerebbero la caduta del dittatore iracheno

      - MILANO . I cabbalisti israeliani sono in allarme per la cometa Hyakutatke. Come non bastasse, all' apparizione dell' astro con la coda si sta associando un altro fenomeno, un' eclisse di luna, che si verifichera' la settimana prossima nella notte tra martedi' e mercoledi' (3 e 4 aprile). Il cocktail astronomico inquieta i cabbalisti perche' nei testi teologici di alcuni secoli fa, hanno rintracciato gli scritti di due importanti rabbini, Ytzhak Luria e Avraham Hammoy, le cui descrizioni sembrano tagliate sui fatti di questi giorni. Ognuno fa il suo mestiere e quindi mentre gli scienziati si affannano a scoprire i segreti degli affascinanti corpi celesti, sulla Terra, nonostante tutto, ci sono ancora anime che guardano con occhi diversi. Cosi' racconta il quotidiano di Tel Aviv "Yediot Ahronot", riferendo che il rabbino Hamoy aveva previsto gravi ripercussioni negative soprattutto sulla Babilonia, vale a dire l' attuale Iraq. Non sarebbero da escludere, secondo le profezie, sia carestie (com' e' nella tradizione delle apparizioni cometarie) sia la caduta di un importante re. Tradotta in termini attuali il rovesciamento di potere riguarderebbe Saddam Hussein. Quindi, cio' che non e' riuscito alle armate della Guerra del golfo cinque anni fa, ora potrebbe essere opera della cometa. Il brusco cambiamento di potere . secondo il rabbino . sarebbe seguito da un periodo di instabilita' politica a livello internazionale e da una grandinata su tutto il globo terrestre. Alle cattive notizie di Hamoy si sono aggiunte poi quelle del rabbino Luria che non ha mezzi termini nel prevedere guai proprio perche' ad aggravare la situazione interviene l' eclisse lunare. Anche perche' (e sarebbe un altro segno) il nostro satellite naturale si oscurera' nella notte di martedi' , proprio nelle ore in cui gli ebrei inizieranno le celebrazioni pasquali. Questo vedono guardando Hyakutake e la Luna i cabbalisti israeliani i quali, caduti nello sconforto, hanno invitato i loro seguaci a recitare una speciale benedizione. La notte scorsa, intanto, la cometa ha "sfiorato" la Terra dalla distanza minima di 15 milioni di chilometri e, battuto il record di vicinanza, ha continuato la sua corsa verso il Sole che sorvolera' il 1mo di maggio passando ad un' altezza di 34 milioni di chilometri. Non tutte le citta' italiane hanno offerto la notte scorsa un cielo tale da consentire la visione dell' astro nel momento piu' favorevole. Dove la meteorologia e' stata piu' clemente, in compenso, curiosi e appassionati hanno affollato planetari e osservatori. Anche gli scienziati non sono stati tutti fortunati. Solo quelli in alta quota hanno potuto far lavorare bene e in continuazione i loro telescopi. Tra i privilegiati vi e' il gruppetto di tre astronomi di Arcetri impegnati nell' osservatorio sul Gornergrat, in Svizzera sopra Zermatt a 3200 metri di quota. "Abbiamo potuto inseguire Hyakutake senza difficolta' . racconta Patrizio Patriarchi . fotografandola all' infrarosso e analizzando con gli spettrografi la sua luce. La cometa ha mantenuto tutte le previsioni rivelando uno spettacolo eccezionale. Anzi, a mio avviso le aspettative sono state superate". Un grazie alla cometa va dai venditori di binocoli e telescopi che nei giorni scorsi hanno visto i loro negozi piu' frequentati del solito, anche se . dicono . non ai livelli del 1986 quando arrivo' la Halley.

      Caprara Giovanni


      Pagina 17
      (26 marzo 1996) - Corriere della Sera

      RispondiElimina
    18. Indovinate quanto si è avverato dell'articolo precedente?

      RispondiElimina
    19. Grazie!

      Non c'è cosa più deprimente del fondamentalismo qualunque sia la religione o il credo.

      RispondiElimina
    20. ciao a tutti,seguo diversi blog,tra cui gennaro gelmini e astronavedipegasus...diciamo che ognuno la vede come vuole,no?e dalla nascita della parola che l uomo ne dice tante....poi con internet...molti non hanno capito che in ogni caso si avanti ,se non si parla di calci,si parla di questo...

      RispondiElimina
    21. Certo, ognuno la vede come vuole, ci mancherebbe.

      Ti faccio una domanda.

      Credi che i principi scientifici alla base del tuo computer, del tuo cellulare, dei viaggi spaziali siano opinioni?

      RispondiElimina
    22. mi sa che l'incidente nucleare in giappone sia attualmente una minaccia maggiore rispetto alla suddetta cometa.
      comunque a proposito di allarmismi questo dove lo mettiamo allora:

      http://www.cronacaqui.it/cronaca/13567_lasteroide-del-9-novembre-pericoloso-per-la-luna.html

      RispondiElimina
    23. sono l'anonimo di oggi,ho capito dal pc come si mette il nome!!a parte questo...rispondo alla domanda di gabriele

      ovviamente non sono opinioni,sono realta' costruite sulla base di studi,sempre piu' incredibili per l'uomo.rasentano quasi fantascienza,pensa solo nel 1950 come si sarebbero prese le notizie di oggi,su tutto quello che sappiamo e vediamo,di paranormale e normale.in tutta sincerita',ti dico che non ci possiamo fermare a credere che siamo gia' arrivati alla fine di tecnologia,di misteri,di soprannaturale.l'essere vivente ti dico che vedra' ancora molte cose belle e brutte,solo la coesione e la forza di spirito potra' darci la forza.un esempio ce lo danno gia' in indonesia e in giappone.loro non si arrendono e ricominciano subito a rifare cio' che hanno perso.tutti dovremmo capire che in quella direzione possiamo fare progressi enormi,invece,nella nostra ipocrisia non andiamo da nessuna parte.CHEsia nibiru,eleningli ufo,uno tsunami,un terremoto,ecc..noi dobbiamo essere uniti e riconoscerci quando servira'.(sembro paranoico??)

      RispondiElimina
    24. Ciao Tiziano, e grazie di essere qui.

      Sono sostanzialmente d'accordo con quello che scrivi.

      E' palese che siamo ben lontani dalla fine della tecnologia e men che meno della conoscenza. Per altro è implicito nell'idea stessa di scienza.

      La scienza fornisce modelli che descrivono la realtà al meglio delle nostre conoscenze dei fatti e fino a prova contraria: la scienza funziona perché impara dai propri errori e li corregge.

      La storia dell'uomo dimostra che è sempre pronto a riprendersi dopo ogni batosta. Troppo spesso però dimentica i propri errori o cerca di correggerli buttandosi alla cieca in direzione opposta o tornando indietro.

      RispondiElimina
    25. l uomo e l unico essere a essere particolare nella sua persistenza allo sbaglio e a portarlo avanti....meno male che non tutti sono cosi!comunque...a livello globale,dico che e difficile capire dalle scie chimiche,alle catastrofi naturali e non,su dove ci dirigiamo per il nostro futuro. io guardo pochi blog e molte notizie su tutto il mondo(interessante i vortici atlantici di 400 km di diametro),mi interesso di ufo e capire veramente che cosa e finto e non, da molto fastidio.su gennaro gelmini,che seguo da un po,sostiene che nibiru e alle porte e tra poco lo vedremo. tra l altro accerta anche con esposti le sue certezze. che sia vero o no,in ogni modo si prolunga e vorrei capire quanta verita c e.scusate se mancano accenti,ma se li metto,mi da errore all invio...tecnologia crudele...

      RispondiElimina
    26. Tiziano

      Spesso chi scrive su un blog è solo un appassionato e non un esperto in materia. E' il mio caso.

      A chi mi propone qualcosa e pretende che io creda sulla fiducia chiedo sempre perché dovrei farlo. Quello che io posso proporti a supporto di quello che scrivo sono i link di riferimento in mezzo e sotto i miei articoli: troverai quasi sempre siti di istituzioni scientifiche, università, riviste o pubblicazioni scientifiche. Ma non pretendo che tu mi creda.

      Personalmente ho poca fiducia in chi sostiene le proprie ragioni parlando di presunti complotti per celare scomode verità invece che snocciolare fatti verificabili.

      E quando poi i fatti dicono il contrario, la poca fiducia si azzera completamente. Per quella che è la mia esperienza, da parte di chi parla di Nibiru o delle scie chimiche non ho mai visto un solo fatto accertato o verificabile ma solo congetture, dietrologia o liste di cattivi.

      Detto in altri termini, se hai mal di denti vai dal dentista e non da un avvocato. Dunque se - dopo esserti guardato in giro sui blog per vedere quel che si dice - vuoi spiegazioni attendibili su Nibiru o sulle scie chimiche il mio consiglio è che tu chieda a un astronomo o a un fisico. Idem se vuoi informazioni sulle presunte scie chimiche: chiedi a un meteorologo o a un fisico che si occupi di gas.

      RispondiElimina
    27. la cosa che mi incuriosisce di più e sempre il dubbio di cosa sia vero e cosa non lo sia.hai perfettamente ragione su quello che dici,io sono già la classica persona che ascolta tutti e quando poi viene smontato o smentito qualcosa sono tra quelli che si fa una bella risata.il dubbio a me e iniziato quando in quel blog delle notizie sono risultate vere e addirittura anticipate.guardati quel blog e dimmi cosa ne pensi. . .In quel blog già ad un altro ho consigliato il tuo blog ed e stato interessato.ecco,pure pubblicità faccio!

      RispondiElimina
    28. Ci ho dato un'occhiata, ma è un disastro.

      Mi sono fermato alla lettera che ha scritto per avvertire Bologna che Nibiru potrebbe distruggere le Due Torri e di prima battuta pensavo scherzasse. Invece no :-(

      Mi fermo alla prima riga. Sostiene che la colpa di un bel po' di guai sarebbe «un unico pianeta distintamente denominato Nibiru, Sedna, Xena (che si pronuncia Scila), Eris, Marduk, Planet X (o Pianeta X) e siglato 2003 UB 313».

      Qualcuno gliel'ha spiegato che Sedna ed Eris sono due pianeti diversi?

      Eris fu prima catalogato prima come 2003UB313, poi battezzato temporaneamente come Xena (in onore dell'omonima serie televisiva) e orbita fuori dall'orbita di Nettuno tra le 38 e le 98 unità astronomiche di distanza dal Sole.

      Sedna invece si muove tra le 76 e le 975 unità astronomiche, un'orbita particolarissima.

      Gliel'ha spiegato nessuno che "Pianeta X" è il nome che da sempre gli astronomi utilizzano per un pianeta ipotetico, salvo poi battezzarlo quando viene scoperto?

      Dice che «ha una massa estremamente compatta, a cui corrisponde un’elevata attrazione gravitazionale» e che «questo provoca gli eventi catastrofici sopra indicati».

      Qualcuno gliel'ha spiegato che l'attrazione gravitazionale ha a che fare con la massa e non con la compattezza?

      E visto che dovrebbe essere molto compatto ma di grande massa, e dunque estremamente denso, di che materiale sarebbe fatto?

      E soprattutto, si rende conto che le perturbazioni gravitazionali dei pianeti esistenti furono scoperte secoli fa con strumenti ridicoli rispetto ad alcuni di quelli amatoriali moderni? Che se un oggetto come Nibiru esistesse avrebbe provocato disastri sugli altri pianeti, oltre che sul nostro, ma che soprattutto ne avrebbe perturbato l'orbita? E che un qualunque astrofilo (astronomo amatore) dotato di uno strumento minimamente serio se ne sarebbe accordo?

      Sorvolo sul resto. Preferisco Babbo Natale.

      RispondiElimina
    29. ecco una cosa che mi piace delle persone come te.LA FRANCHEZZA!seguo tutti e due,con soddisfazione.dopotutto il tuo blog e' molto elaborato e smentisce proprio determinate cose,tipo....mmmh...NIBIRU.io credo che passera' una cometa chiamata elenin,che la vedremo come abbiamo visto hallboop(scusa ma non mi ricordo piu' come si scrive)o forse meglio,fine del mistero,almeno secondo me....e se non si vedra' nemmeno quella...ce ne sono di cose da vedere!!!sei una persona diretta.continua cosi'.e se capita(e capita)di trovare qualcosa....ne riparliamo!!!

      RispondiElimina
    30. ah,mi dimenticavo....leggiti su quel blog sulle prove scientifiche i miei commenti,se vuoi farti qualche risata...

      RispondiElimina
    31. Grazie! Continua a seguirmi se puoi e ... passa parola!

      RispondiElimina
    32. certamente!pensa che ho visto un segno nel cielo...

      RispondiElimina
    33. azz....era sporco il vetro...una macchia blu....

      ahahahahahahah

      RispondiElimina
    34. hola!!seguo da un po' questo

      www.astronavepegasus.it

      lo trovo interessante e ben fatto..lo conosci gia'??ogni giorno cose nuove!!dimmi cosa ne pensi!!grazie

      RispondiElimina
    35. L'avevo già visto e penso che abbiano una strana concezione di "prova scientifica".

      Ho dato, per esempio, un'occhiata al video del tizio che parla di scie chimiche. Non c'è nessuna prova scientifica in quello che dice. C'è solo lui che declama le sue verità. Si pretende che gli si creda perché (a suo dire) sarebbe un esperto di meteorologia.

      Questi sono studi scientifici:

      On the Transition of Contrails into Cirrus Clouds (American Meteorological Society)
      Spreading and growth of contrails in a sheared environment (Journal of Geophysical Research)
      Numerical Simulations of Persistent Contrails
      Growth of ice crystals in a precipitating contrail (Geophysical Research Letters)
      A numerical study of the contrail-to-cirrus transition Geophysical Research Letters)

      Lì ci sono dati, elaborazioni numeriche, correlazioni, modelli (fatti, insomma) che dicono altro.

      Ho come l'impressione che su quel sito le testimonianze vengano considerate prove scientifiche, un'attitudine tipica di certa ufologia.

      Le prove scientifiche sono numeri, misurazioni e osservazioni ripetibili: mai testimonianze.

      RispondiElimina
    36. vero.finora di provato veramente ancora nulla.ma del perché la gente si ostina a creare questi allarmismi rimane un punto interrogativo. non gli bastano le sciagure di ogni giorno?

      RispondiElimina
    37. marsili in movimento??spero che il potrebbe non lo svegli e torni a dormire!!molti siti lo danno in movimento....che mi dici in proposito?tutto ok?(te intendo)

      RispondiElimina
    38. Il Marsili è un caso di autolesionismo da parte della comunità scientifica. Fu Boschi a dare l'annuncio che il Marsili sarebbe stato sul punto di esplodere. E di lì a poco altri due geologi sostennero che non era vero.

      Boschi mi sembra un bel po' malato di protagonismo e non mi fido mai molto di quello che dice.

      RispondiElimina
    39. meglio cosi' allora

      RispondiElimina
    40. Beh, fino a un certo punto. Il vulcano c'è. E speriamo che abbiano ragione i due ricercatori che hanno smentito Boschi e che Boschi abbia esagerato qualche dettaglio per trovar fondi e costruire un osservatorio stabile.

      Voglio dire che probabilmente le intenzioni di fondo di Boschi sono buone. Sono i metodi ad essere un po' troppo televisivi.

      RispondiElimina
    41. ormai con la tv si puo' fare tutto...fortunatamente con i se e i potrebbe non muore nessuno.meglio cosi'.daltronde quei vulcani non sono da sottovalutare mai,specie quando sono cosi' imponenti,anche se sottomarini.qui in italia non abbiamo piu' avuto problemi con i vulcani dai tempi di pompei!!

      RispondiElimina
    42. ciao!!da non credere...in quel blog di cui ti ho parlato questo tizio riesce a dare la spiegazione che le giornate si allungano per via di nibiru...inserendo questo discorso,cosa puoi dirmi su di un possibile fermo del pianeta di 3 giorni per ruotare in senso inverso?fuffata o....

      RispondiElimina
    43. Ma l'anno scorso e gli anni prima di 'sti tempi, quando le giornate si allungavano, dov'era? Ricoverato per un TSO?

      E' una fuffatissima.

      Richiede molta meno energia sbriciolare la Terra e disperderla nello spazio che rallentarla, fermarla, e riaccelerarla in senso opposto nel modo raccontato da questi personaggi.

      La Terra che ruota ha un'energia cinetica di 2,58 * 10 alla 29 joule. Equivale a poco meno di 5 milioni di miliardi di bombe atomica di Hiroshima.

      Ne serve tanta per fermarla, e altrettanta per accelerarla, dunque 10 milioni di miliardi di ordigni come quello di Hiroshima in 3 giorni.

      Sono più di 3 milioni di miliardi di bombe atomiche di Hiroshima al giorno: circa 6.45 bombe di Hiroshima per metro quadro di superficie terrestre (oceani compresi) al giorno.

      Avrei dovuto parlare di momento angolare e non di energia cinetica, ma non è che la questione cambi molto.

      RispondiElimina
    44. a parte il guerrafondaio che sei,ho capito cosa serve per avere un inversione di quel tipo,adesso mi procuro le bombe....no,io per inversione ho sempre considerato l ipotesi che la terra puo,sempre che ruoti nello stesso verso,compia a fare un giro spostandosi con i poli sud a nord e nord sud,circa 13000 anni,che viene chiamato un anno galattico,mi sembra,capito cosa intendo?questo perché ogni tanto nei terremoti si verifica uno spostamento dell asse terrestre,poccolo risultato che sommato nel cilclo di un anno galattico fa fare alla terra un inversione dei poli...che dici?dico una cosa possiblle?

      RispondiElimina
    45. Ti confondi con la precessione degli equinozi (che dura 26000 anni, 13 è mezzo giro). L'asse di rotazione compie sì un giro, ma non si ribalta. Il moto è tipo quello di una trottola. Gira su se stessa, ma anche l'asse di rotazione si muove su una specie di doppio cono. L'anno galattico (il tempo in cui il sistema solare ruota intorno al centro della galassia) dura qualcosa come 220/230 milioni di anni. Per queste cose vedi qui.


      In effetti un ribaltamento dell'asse di rotazione richiederebbe molta meno energia che uno stop e una ripartenza della rotazione, ma comunque troppa perché ciò possa avvenire in tempi così brevi senza distruggere la superficie del pianeta. Le grosse variazioni dell'inclinazione dell'asse richiedono decine di milioni di anni.

      Le variazioni della durata del giorno e gli spostamenti dell'asse dovuti ai terremoti vanno ora in un senso, ora nell'altro. Quando una delle grosse masse che agiscono sulle faglie si sposta verso i poli, la durata del giorno diminuisce; quando si sposta verso l'equatore, la durata del giorno aumenta. E' come un pattinatore che in una piroetta stringa o allarghi le braccia.

      Queste variazioni non possono essere tutte nella stessa direzione, altrimenti la Terra si ridurrebbe a uno pallone da rugby tenuto in verticale, o a una ciambella. E' la gravità stessa a bilanciare le cose. La Terra è quasi sferica proprio a causa della gravità. Vedi qui.

      RispondiElimina
    46. sei un gran personaggio.grazie per le delucidazioni!!

      e guarda questo...interessante??

      http://radio.rcdc.it/archives/energia-ad-ottobre-parte-la-prima-centrale-a-fusione-fredda-73932/

      RispondiElimina
    47. Esagerato! Beh, grazie!

      Sarebbe splendido se l'oggetto di Focardi e Rossi funzionasse. C'è da dire che sono stati un po' ambigui. Non hanno infatti rivelato il principio su cui si baserebbe la loro invenzione, e nessuno ne ha visto l'interno.

      E poi, se da una parte Focardi ci ha messo la faccia (è stato ordinario all'Università di Bologna) dall'altra Rossi ha un passato non proprio limpido.

      Insomma, speriamo che non sia un nuovo tubo Tucker!

      RispondiElimina
    48. speriamo...1 megawatt sarebbe un ottimo inizio!!

      e...qualcuno ha specificato a gennaro gelmini che sedna ed eris sono 2 pianeti diversi....vediamo che risponde...

      alla faccia che davano pioggia a torino....il solo sorride oggi!!

      RispondiElimina
    49. come ti avevo detto.....ho fatto il copia incolla della risposta di gennaro...

      Scusami Gennaro, ma da Wikipedia Eris e Sedna risultano essere due pianeti differenti,scoperti in anni differenti,con caratteristiche differenti e con parametri orbitali differenti...Parametri orbitali che non coinciderebbero con quelli presunti del presunto Nibiru...
      Commento n°32 inviato da Andrea74 oggi alle 01h22
      Si, lo so, ma Wikipedia dice tale e quale quello che dice la NASA, senza badare a quello che la NASA nasconde.

      Risposta di Gennaro Gelmini oggi alle 11h41


      fammi un commento ti prego!!!

      RispondiElimina
    50. http://www.segnidalcielo.it/index.php/segnidalcielo-news/381-petradox-lultimo-incredibile-ritrovamento-alieno

      che ne pensi??

      RispondiElimina
    51. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      RispondiElimina
    52. Per quello che riguarda il blog di Gelmini, non riesco a trovare ne' il post ne' i commenti.

      Potresti far notare che sia Sedna che Eris sono stati scoperti da un team internazionale di ricercatori del CalTech, dell'osservatorio Gemini e di Yale, e non dalla NASA. Fanno parte del complotto universale anche tutte le università americane e i ricercatori che ci lavorano? Le scoperte sono state confermate dagli osservatori del Cile, Arizona, Hawaii, Spagna e quindi dall'Unione Astronomica Internazionale, cui afferiscono tutte le università e gli istituti di ricerca del mondo: pure loro sono tra i cattivi?

      I parametri indicati permettono a tutti gli osservatori di tracciare questi corpi celesti. Tant'è che continuano ad essere osservati.

      Le sue informazioni da chi verrebbero? Può fare il nome di qualche astronomo che possa confermare le sue teorie?

      Quanto all'oggetto misterioso, chissà perché gli scopritori non vogliono rivelare dov'è stato trovato, le datazioni sono state fatte dall'amico che naturalmente non dice con che metodo. E questi antichi abitanti del mondo che dotavano i sassi di prese elettriche trifase, con basamento ceramico... Direi che è un fake piuttosto ridicolo.

      RispondiElimina
    53. immaginavo....magari se la attacchiamo ad una presa si accende pure....faccio un copia incolla e vediamo che risponde gennaro sul tuo quesito dei pianeti,lo posto sul primo in lista dei suoi messaggi,quello sulla pasqua

      RispondiElimina
    54. hola.....come ti avevo detto,l'attesa e' finita....ecco il copia incolla della risposta

      ciao gennaro! ho una richiesta da sottoporti su alcuni dubbi che ho io e altre persone,potresti risponderci? ti faccio un copia del messaggio

      Potresti far notare che sia Sedna che Eris sono stati scoperti da un team internazionale di ricercatori del CalTech, dell'osservatorio Gemini e di Yale, e non dalla NASA. Fanno parte del complotto universale anche tutte le università americane e i ricercatori che ci lavorano? Le scoperte sono state confermate dagli osservatori del Cile, Arizona, Hawaii, Spagna e quindi dall'Unione Astronomica Internazionale, cui afferiscono tutte le università e gli istituti di ricerca del mondo: pure loro sono tra i cattivi?

      I parametri indicati permettono a tutti gli osservatori di tracciare questi corpi celesti. Tant'è che continuano ad essere osservati.

      Le sue informazioni da chi verrebbero? Può fare il nome di qualche astronomo che possa confermare le sue teorie?
      Commento n°8 inviato da tiziano 2 giorni fa alle 23h57
      Riguardo Sedna ed Eris sappi che sono stati scoperti da Michael Brown, ricercatore ed insegnante universitario, sbarcato successivamente nel team dellaNASA, da cui è stato sbattuto fuori solo nel2005, dopo che gli avevano commissionato la gestione di New Orleans durante Katrina proprio a lui, e proprio lui volle salvare la gente mettendola nello stadio, dove morirono in molti, invece che evacuarla. Così avrai capito come lavorano questi, quindi sottobanco si sa, ma nessun astronomo vuole confermare apertamente alcun che.

      Risposta di Gennaro Gelmini oggi alle 11h09

      allora....mi chiedo anche io che tipo di spiegazione e'....la tua opinione??
      poi adesso salta fuori con bendandi....questo 11 maggio....mi sa che lo gioco al lotto proprio per l'11...ruota fissa.....verona....c'e' verona nel lotto?....aspetto tua risposta!!!!

      RispondiElimina
    55. E dire che bastano 30 secondi di ricerca con Google:

      Michael E. Brown, scopritore di Sedna, Eris e della maggior parte dei pianeti transnettuniani noti, è nato nel 1965 e non è *MAI* stato licenziato dalla NASA nel 2005 perché ... non ci ha mai lavorato. È ricercatore al CalTech dal 2003. Qui c'è il suo favoloso curriculum vitae e sul suo sito ci sono tutte le sue pubblicazioni e testi divulgativi.

      Ma, soprattutto, Michael E. Brown non ha *MAI* avuto nulla a che fare con Katrina.

      Con Katrina ci ha invece avuto a che fare Michael D. Brown, politico, nato nel 1954.

      Non c'è nulla che tu possa raccontare uno come Gelmini per smuoverlo. Se continuerai a fargli obiezioni, a chiedergli prove e a dimostrare dove sbaglia, prima passerà agli insulti e poi dirà che sei pagato per nascondere la verità.

      RispondiElimina
    56. mmhh...a parte te....gennaro lo vedo come unfissato di qualcosa che non c'e'.haii ragione,non si smuovera' mai,pero' non e' mai passato agli insulti...almeno quello!!in compenso molti lo insultano,lui di rimando si fa' svivolo delle cose che gli scrivono. ammiro la sua fermezza,e' come se mi impuntassi a dire che superman l'ho visto....i film ho visto!!!ma lui???sto nibiru dove lo ha trovato per dare anche la vicinanza??per lui e' tutta colpa di nibiru.tutto!!!mavala....smetto di tormentarlo....e lo leggo per farmi 2 risate....

      ah....ho parlato con un alieno,ci ho litigato anche...gli ho detto che non esistono gli ufo e lui ha preso il suo disco volante e se ne e' andato...se lo dico a gennaro ci crede....

      RispondiElimina
    57. www.astronavepegasus.itavepegasus.it

      non esiste piu' come sito???che tristezza.......

      RispondiElimina
    58. Magari avevano Aruba come provider? Sono forse il più grosso provider italiano per i servizi di hosting e hanno avuto un principio d'incendio per cui hanno interrotto la corrente alla server farm. Ci sono diversi siti ancora non raggiungibili.

      RispondiElimina
    59. si,e' stato quello....l'ho sentito poco dopo!!

      RispondiElimina
    60. http://mystero.forumcommunity.net/?t=44467965

      e sempre riferimento ai soliti siti pero'....mi sa che ci sono troppi forum,blog che sono millantatori e troppo catastrofisti...trooppi!!

      RispondiElimina
    61. Più che altro c'è troppa gente pronta a credere tutto senza verificare nulla.

      Se non si verificano fonti e affermazioni, se ci si accontenta di un articolo su un tabloid inglese da quattro soldi, della testimonianza di uno sconosciuto o di meno ancora (un post di un anonimo su qualche forum, un video su youtube, ...) si discute letteralmente sul nulla.

      Sono 2000 anni che ogni cinque anni qualcuno dice che finirà il mondo. Finora non è mai successo. Mi sfugge perché dovrebbe succedere ora, quando - in definitiva - le fonti sono le stesse: ignoranza e superstizione.

      RispondiElimina
    62. ti mancavo,eh?a parte l'ultima notizia di rilievo,di osama...il papa beato....il matrimonio...mi sembra che per ora sono le solite notizie...hai gia' letto di combattimenti ufo contro stati uniti in antartide??adesso gli ufo si buttano in mare e causano tsunami....hai capito come si formano.....blaaaaaaaa....carini come siti....ho beccato anche un filmato dove da un peschereccio inquadravano un ufo eche si e' abissato velocemente nel pacifico....certo che ce ne sono di filmati

      RispondiElimina
    63. UFI panzoni che si buttano a bomba e causano Tsunami... Interessante.

      Comunque questo maggio è un gran mese per i fuffari: ci sarà il terremoto devastante a Roma l'11 e una fine del mondo il 21 (o il 25, non ricordo). Il calendario è pieno!

      RispondiElimina
    64. il 21,giusto....e pensare che bendandi non ha neanche detto una data...ma poi....c'e' un solo giorno dove non capita qualcosa???

      a parte questo,beccati questo...

      http://www.segnidalcielo.it/index.php/segnidalcielo-news/391-quelle-strane-emissioni-dal-sole-che-mutano-la-materia


      e poi vai sulla home e guarda il filmato di 1 minuto sul grigio alieno....e' fatto bene o no??

      RispondiElimina
    65. La questione sul Sole sarebbe stata trattata bene, con citazioni serie, se non fosse per quel "mentre il sole sta giungendo ad un suo massimo solare e si avvicina inesorabilmente un periodo di pericolosa intensità mai sperimentato da persona vivente". E' una sciocchezza, la solita fuffa sulla tempesta solare del 2012 prima e 2013 poi...
      Il resto, l'interazione di qualcosa che viene dal Sole con la materia, è molto interessante e immagino che i fisici ci lavoreranno su.

      Il video è fatto bene, ma ... che palle 'sti grigi!

      RispondiElimina
    66. astroperinaldo

      Come sito lo trovo dettagliato,finora il migliore...tu che ne dici?

      RispondiElimina
    67. aaaaaah....ultimissima....dietro la cometa elenin....si nascondono gli ufo...un occhio con il sopracciglio inarcato si intravede da dietro con fare minaccioso....ne becco di tutti i colori

      RispondiElimina
    68. Che dietro le comete si nascondano sempre gli UFO non è una novità. Anche dietro la Hale Bopp dovevano esserci gli UFO e quei tizi in California si suicidarono per ascendere ed essere portati tra le stelle dagli alieni.

      Guarda il nuovo post in homepage e dimmi cosa ne pensi. Questo ormai è diventato lunghissimo!

      RispondiElimina
    69. Forse ho scoperto l'origine di questa leggenda metropolitana: cercate "Eltanin event" o "cratere Eltanin".
      ElTAnin, non Elenin.

      RispondiElimina
    70. Wow. Un impatto asteroidale che avrebbe lasciato un cratere di 132 km di diametro. Una bella botta. Non oso pensare che razza di macello deve aver fatto lo tsunami.

      RispondiElimina
    71. Ciao a Tutti. Anch'io e da un pò che seguo Gennaro Gelmini e mi sembra, scusate l'espressione un pò svitato. E da un pò che cerco un blog come questo e alla fine ci sono riuscita. Anche perchè finalmete qualcuno mi traduce le lontanze diciamo in italiano. Grazie e buon lavoro.
      ps. questo non c'entra niente con questo: ricordate il 12 e 13 giugno 2011 c'è il referedum. baci baci

      RispondiElimina
    72. Grazie Manuela!

      Per quel che mi riguarda sul referendum sfondi una porta aperta! Ne ho già parlato qui.

      RispondiElimina
    73. Ciao, passavo da queste parti per caso ed ho scoperto il tuo blog.Secondo me dovremo preoccuparci piu' di questo:
      http://ssd.jpl.nasa.gov/sbdb.cgi?sstr=2005+YU55&orb=1
      La data del 9 Novembre fa riferimento a questo asteroide vediamo di non far confusione.

      Ghost

      RispondiElimina
    74. Wow! Passa davvero vicino (0.85 distanze lunari) ed è decisamente un bel sassetto: 400m di diametro. Grazie per la segnalazione!

      RispondiElimina
    75. Ciao Gabriele
      Prima una premessa e poi un paio di domande.
      Premessa: Lasciamo fuori dal discorso tutte le varie profezie, i Maya, Nostradamus, Caz..i&Mazzi e prendiamo per genuina la traiettoria elaborata dalla Nasa qui http://ssd.jpl.nasa.gov/sbdb.cgi?sstr=C%2F2010%20X1;orb=1;cov=0;log=0;cad=0#orb
      perché io della legge di Newton non so molto.

      Domanda:Cosa pensi del fatto che gia a febbraio di quest'anno un sacco di gente metteva in guardia ripetto ad un possibile cataclisma nei giorni attorno al 15marzo giorno in cui la suddetta Elenin si é trovata ad allinearsi col sole lasciandoci a noi nel mezzo e che a quanto si dice ci ha regalato un gran botto in Giappone (e ti giuro che é la prima previsione di tante che azzecca quacosa)? E come si inquadra sta situazione contando che la stessa cosa era gia successa per il Cile del 27 febbraio 2010?

      Cioé io qui non é che voglio fare il compottista e mi guardo bene dal citare qualsivoglia sacra scrittura.. Dico solo che a guardarla cosí mi viene qualche dubbio sulla versione ufficiale dove si parla di un corpo celeste costituito di ghiaccio sporco.Mmm c'é da dire anche che non portebbe essere altrimenti perché non si va in tv a dire che una cometa distruggerá il mondo, tuttalpiú si organizza una bella vacanza invitando gli amici piu cari (o pu facoltosi) ..

      Il prossimo passaggio "allineato" sarebbe per il 27 settembre e a seguire nei primi di ottobre e poi 26-27 novembre.

      RispondiElimina
    76. Quello che ti ha colpito è un meccanismo psicologico che si chiama "pensiero magico" e che consiste nell'attribuire causalità a una coincidenza. È di una forza dirompente quando te lo propongono su cose che conosci poco.

      Parliamo delle certezze:

      - la Elenin ha la traiettoria tipica di una cometa
      - ha una chioma che si sta sviluppando in modo compatibile con una cometa di 3/5 km di diametro
      - la chioma risulta avere la tipica composizione cometaria
      - non ci sono perturbazioni gravitazionali sui pianeti esterni

      Insomma, ha l'aspetto di una cometa, si comporta da cometa, cammina come una cometa e brilla come una cometa. Che sia proprio una cometa?

      Aggiungi che quando si scopre un nuovo corpo del sistema solare o quando qualcuno annuncia un allineamento planetario immediatamente i fuffari si mettono a parlare di catastrofi e terremoti e accusa fisici, geologi e astronomi di celare chissà quale verità. È così da sempre. Poi, dopo che regolarmente non succede nulla, le chiacchiere scemano fino al prossimo allineamento. La Halley doveva portare morte e distruzione, la Hale-Bopp pure, la McNaught anche, la verdissima Lulin nel 2009 avrebbe dovuto lanciare contro la terra una pioggia distruttrice di meteore. Siamo ancora tutti qui.

      E' possibile che questo volta sia diverso? Certo. Tu sei libero di crederlo e di pensare che astronomi, astrofili, fisici, geologi facciano tutti parte della congiura del silenzio e che invece chi scrive nei forum abbia qualche ragione.

      Però dovresti chiedere ai catastrofisti perchè un allineamento con la Elenin dovrebbe causare sconvolgimenti sulla Terra. Numeri alla mano, dovrebbero mostrarti in quale strano modo dovrebbe funzionare secondo loro la gravità di quel corpo celeste per causare effetti mareali così importanti solo in allineamento sulla Terra e in allineamento col Sole e non anche sugli altri corpi del sistema solare.

      Quello che ti posso dire io è che la forza di gravità di un corpo su un altro è "centrale" e inversamente proporzionale al quadrato della distanza, mentre quella di marea è inversamente proporzionale al cubo della distanza. Se la elenin fosse capace di causare effetti di marea così importanti sulla Terra, dovrebbe aver già modificato gravitazionalmente le orbite di tutti i pianeti esterni.

      Guarda qui.

      Te la faccio io una previsione: a breve passerà di moda la Elenin e i fuffari si accorgeranno della Honda, che ci passerà almeno 10 volte più vicino.

      RispondiElimina
    77. Oke Vabene Grazie per la risposta!
      Ciiao

      RispondiElimina
    78. Caro Gabriele, ritengo di non appartenere ne ai catastrofisti ne ai negazionisti, tuttavia la storia ci insegna che scienza e fisica, sono in evoluzione continua, ovvero ciò che appare come vero oggi, viene smentito domani, con un solo esempio è di "ieri" la scoperta che quello che gli scienziati ritenevano fosse "il vuoto assoluto" presente nell'universo, tutto ad un tratto è divenuta energia oscura ovvero;una forma di materia, ma non solo, parlando di un corpo celeste di cui non abbiamo certezze matematiche sulla sua composizione, mi pare ovvio che un margine di dubbio su eventi imprevedibili, sia più ke lecito, non credi? Per rendersi conto di quanto le previsioni d'impatto siano vacuie e mutabili, basta leggere su wikipedia la storia di "Apophis
      La storia, ci insegna anche che allertare le masse anche per un banale terremoto, causa un panico pericoloso ed incontrollabile, va da se che la sola conferma da organi competenti e la relativa divulgazione che possa sussistere uno 0,001 % di effetti collaterali per la terra, sarebbe più che sufficiente per scatenarlo, sopratutto in un momento come questo dove il "famigerato 2012" si avvicina. Ciò detto, affermare con assoluta certezza che questa cometa (se cometa è)non avrà nessun effetto sulla terra, mi pare un poco prematuro. Chiaramente ci auguriamo tutti che nulla accada, ma per quanto enorme sia la mia ignoranza in Astronomia, mi risulta che nessuno sia in grado di certificare che durante il passaggio della fascia degli asteroidi, questa possa trascinarne qualcuno nella sua orbita; in tal caso, nessun calcolo matematico o programma di simulazione potrebbe svelarne le incognite non credi?. Concludendo, non pensi che dovremmo tutti concederci il beneficio del dubbio? inoltre,possibile che sia solo frutto di antica pazzia collettiva il fatto che tutte le civiltà del passato abbiano lasciato chiari indizi che all'approssimarsi del 2012 grandi cambiamenti avrebbero "sconvolto" (non distrutto)la terra? Non è forse vero che negli ultimi 6 anni le catastrofi naturali sono in vertiginoso aumento? c'è forse qualche scienziato che ad oggi abbia saputo motivare unanime questi eventi? Conseguentemente sei proprio convinto che scienza e tecnologia non abbiano margine d'errore? un grazie anticipato se vorrai rispondermi, ciao

      RispondiElimina
    79. Brontolo

      La fisica si basa sulla misurazione. Le misure hanno sempre un margine d'errore. Dunque nessuna previsione fisica può essere esatta al 100% senza margini d'incertezza. In certi casi l'incertezza è alta; in altri no. Spesso quei margini di incertezza non impediscono alla fisica di prevedere qualcosa che effettivamente accadrà; o non accadrà.

      Il motore della tua automobile potrebbe esplodere ogni volta che l'accendi. Tuttavia tu l'accendi ogni mattina perchè consideri accettabile il rischio. Anzi, non ti poni nemmeno il problema; eppure è estremamente più pericoloso della cometa elenin.

      La differenza tra un motore di automobile e la Elenin è che nel primo caso è un oggetto familiare per tutti, nel secondo qualcosa di sconosciuto e misterioso per molti.

      Considera che il tuo telefonino, il GPS, gli aerei, i satelliti in orbita, tutta la tecnologia che usi, compresa la tua automobile funzionano perchè basati sulle stesse identiche teorie scientifiche che ti dicono che la Elenin non ci farà nulla.

      Ce lo dicono perchè - se veramente potesse farci qualcosa - avrebbe già cominciato a farlo da un pezzo anche agli altri pianeti. Questi non girano intorno al sole su binari. Si influenzano gravitazionalmente l'un l'altro. Ogni pianeta esercita delle perturbazioni sull'orbita degli altri. Questa non è una scoperta recente. Nettuno fu scoperto nel 1846 per le perturbazioni dell'orbita di Urano; e furono notate con strumenti molto meno precisi di quelli a disposizione degli astronomi dilettanti di oggi. Se la elenin avesse qualche tipo di influenza gravitazionale degna di nota, tanto forte da strappare degli asteroidi alla loro orbita o da creare problemi alla Terra, le perturbazioni sugli altri pianeti sarebbero già state notate da tanto tempo e nessuno potrebbe nasconderle. Vedi qui.

      Quanto al "fatto" che i popoli del passato abbiano previsto disastri per il 2012... non è per nulla un fatto. È una mistificazione in cui sei caduto. Nessun documento storico dice nulla del genere, nemmeno quelli maya (leggi qui).

      Troverai migliaia di siti che ne parlano, che fanno riferimento a sedicenti studiosi (che però di mestiere fanno altro) con idee strane, ma di documenti che ne parlino realmente non troverai traccia.

      RispondiElimina
    80. Non credo si possa fare un calcolo esatto quando si hanno in mano numeri tanto grandi. La caduta di comete è frequente sulla Terra, se pensiamo in ere geologiche. Va bene niente catastrofismi, ma neanche fragili certezze. Comunque bell'articolo.
      P.s. Scusate se suono un tromba anche se piena di insipienza: da quel che ho capito la cometa Elenin, se non trovasse il nostro sistema solare,tirerebbe dritto, ma visto che lo incontrerà, presumibilmente modificherà la sua orbita che la porterà ad avvicinarsi al sole ogni 10.000 anni circa. Questi 10.000 (circa)anni a me ricordano qualcosa, come le cicliche e grandi estinzioni di massa, ovviamente se quel "circa" diventano 2.000 anni da aggiungere ai 10.000 stimati. Scusate il discorso da bar. Ciao.

      RispondiElimina
    81. caiagab

      i calcoli orbitali del JPL a questo punto sono sicuramente precisi (tant'è che usandoli si riesce ad osservare sempre la cometa nel punto previsto). Sono stati fatti su moltissime osservazioni e il margine d'errore ormai è molto basso.

      Comunque quello che dici è vero: ci sono stati innumerevoli impatti con comete e molto probabilmente ce ne saranno in futuro. E' una cosa che ho detto anche nell'articolo. Per inciso, è molto probabile che sia stato un pezzo di cometa a causare l'evento di Tunguska nel 1908.

      Le estinzioni di massa non hanno un'andamento preciso e comunque si parla di centinaia di milioni di anni. Alcuni prendono in considerazione perturbazioni tali da strappare un numero alto di comete alla nube di Oort, molte delle quali arriverebbero al sistema solare interno, con aumento del rischio di impatto sulla Terra.

      Concordo che quello della cattura da parte del sistema solare sia un aspetto veramente interessante di questa cometa (secondo me l'unico). Pensare che questa palla di neve che si è formata miliardi di anni fa, proveniente da chissà dove, dopo aver viaggiato per migliaia di miliardi di km venga a farci visita per poi rimanere legata al Sole è affascinante.

      RispondiElimina
    82. Ciao, ho letto con piacere l'articolo e tutti i commenti. Premetto che non sono un addetto ai lavori e sto cercando di farmi una mia opinione sulla questione.
      Nel merito, vorrei chiederti conferma di una cosa. Giocando con http://ssd.jpl.nasa.gov/sbdb.cgi?sstr=C%2F2010%20x1;orb=1;cov=0;log=0;cad=1#orb mi sembra di aver capito che il momento di minima distanza tra la cometa e la terra dovrebbe essere il 16/10/2011 (0,232 UA). La cometa Hale Bopp ebbe il suo perielio con la terra a circa 0,914.
      Quindi era quasi 4 volte più lontana di Elenin. Corretto?

      RispondiElimina
    83. ops, ho scritto una castronata (il perielio dalla terra) :-)

      grazie della risposta.

      E le dimensioni di Elenin e Honda quali sono?

      RispondiElimina
    84. Grazie Daniele.

      Sì, quello che dici è sostanzialmente corretto.

      Il perielio della Hale-Bopp (massimo avvicinamento al Sole) fu di 0,914 UA, e il punto di minima distanza dalla Terra fu di 1,315 UA; dunque quasi 6 volte più distante della Elenin. Tuttavia la Hale-Bopp fu uno spettacolo straordinario perchè era veramente una cometa enorme - 60km di diametro - che produsse una chioma e una coda spettacolari e in condizioni di visibilità molto favorevoli. Per un bel pezzo fu infatti visibile in piena notte dall'emisfero Nord. Temo che ci toccherà aspettare parecchio prima di assistere ad un altro spettacolo del genere.

      Per ferragosto saremo letteralmente sfiorati dalla cometa Honda che ci passerà a sole 0,06 UA, ossia 9 milioni di km: quattro volte più vicina della Elenin (ma comunque 24 volte più lontana della Luna). Però è molto piccola (1 km e mezzo di diametro) e poco attiva. Temo che non vedremo praticamente nulla.

      RispondiElimina
    85. La Honda è 1,5 km circa. La Elenin - da quel che ho letto - dovrebbe essere sui 3/4 km.

      Misurare le dimensioni dei nuclei cometari è difficile coi telescopi. Quando sono vicini ci sono chioma e coda che nascondono il nucleo. Quando sono lontani sono troppo piccoli per avere una stima esatta. Anche sulla Hale-Bopp, che pure è un mostro di cometa, il margine d'errore è alto: 60 km con un margine d'incertezza in più o in meno di 20 km.

      RispondiElimina
    86. Ho trovato una notizia che nel merito esula da questioni astronomiche ma che trovo curiosa.

      Dunque, Elenin è stata scoperta il 10 dicembre scorso dall’astronomo russo Leonid Elenin.

      Ma sembra che fosse raffigurata in banconote svizzere che risalgono al 1979!!

      Guarda qua: http://www.ecplanet.com/node/2541

      Curioso, non trovi? :-)

      RispondiElimina
    87. 'Sti catastrofisti una ne raccontano e cento ne pensano... ;-)

      Non è la Elenin per due motivi: il primo è che al momento ha un'orbita aperta e quando lascierà il sistema solare interno avrà sì un'orbita chiusa ma molto più schiacciata e lunga di quella raffigurata. La seconda ragione è che il viso rappresentato è quello di Eulero. Uno dei suoi contributi all'astronomia è stato proprio il calcolo esatto delle orbite delle comete: vedi qui.

      RispondiElimina
    88. Temo che tu abbia ragione :-) de-zommando il diagramma dell'orbita di Elenin, in effetti non è chiuso come quello rappresentato nella banconota.

      Sarebbe interessante poter dare un nome a quella cometa rappresentata sulla banconota... però google restituisce solo risultati legati ad Elenin. Continuo a cercare.

      Grazie
      Daniele

      RispondiElimina
    89. Non credo che sia una cometa in particolare, anche perchè le orbite dei pianeti non sono in scala.

      Solo per giocare, si vede che il perielio tra Mercurio e Venere (circa 0.6 UA) e l'afelio oltre Saturno, dove dovrebbe essere Urano in quella scala (circa 20 UA). L'assse maggiore è di 20.6 UA e dunque il semiasse maggiore di 10.3 UA. Applicando la terza legge di Keplero, il periodo è circa 33 anni terrestri (radice quadrata di 10.3³).

      Facendo una ricerchina su google vien fuori che potrebbe essere la Tempel-Tuttle!

      RispondiElimina
    90. una domanda nel post si dice che è invisibile fino a quamdo non si avvicina al sole.eppure qui ci sono cometa avvistate anche a 420.000.000 miliooni di km http://www.astroambiente.org/immagini/vedifoto.php?tipo=1&categoria=comete

      quindi se si trova tra giove e marte dovremmo vedere

      grazie per la risposta e per il tempo cosi prezioso

      RispondiElimina
    91. Man mano che una cometa si avvicina al sole, la sua superficie comincia a scaldarsi. Le sostanze ghiacciate (principalmente acqua) che contiene iniziano a sublimare (passano cioè direttamente dallo stato solido a quello gassoso). I gas liberati formano la chioma, prima tenue, poi un po' più densa. Il sole illumina il gas e la cometa diventa visibile. Successivamente il vento solare comincia a "soffiare" questo gas in direzione opposta al sole, si forma la coda, e la cometa aumenta di velocità.

      La quantità di gas emesso dipende in parte dalla composizione della cometa, in parte dalla sua superficie. In generale, più la cometa è grossa, maggiore è la sua superficie, tanto più gas emette e tanto più diventa luminosa e visibile.

      La Hale-Bopp per esempio era enorme e diventò visibile addirittura ad occhio nudo che era ancora piuttosto distante.

      La Elenin sta per oltrepassare l'orbita di Marte, ma è piccola e poco attiva per cui al momento è visibile solo con un buon telescopio (qui ci sono alcune foto).

      Secondo le previsioni dovrebbe aumentare sensibilmente la sua luminosità a partire da Agosto, ma a meno di sorprese, difficilmente arriverà ad essere visibile ad occhio nudo.

      RispondiElimina
    92. Refuso nel commento precedente: la cometa aumenta di LUMINOSITA'; anche di velocità, visto che si avvicina al sole, ma le sue emissioni non c'entrano nulla.

      RispondiElimina
    93. Salve a tutti,ho avuto modo di leggere tutta questa discussione e devo dire che sono veramente rimasto colpito da come il signor Gabriele è competente in materia...dunque girando su youtube,ho trova to questo video
      http://www.youtube.com/watch?v=W6CbJEC0uAg
      che parla della cometa elenin e ne mostra l'orbita.Premetto che purtroppo sono ignorante in astronomia ma mi piacerebbe saperne qualcosa di più!comunque vi sottopongo questa questione: come si può ben vedere nel video,l'orbita della cometa non risulta ellittica ma presenta una variazione. Quindi io vorrei sapere se l'orbita della cometa è effettivamente quella, oppure se è stata "ritoccata" in qualche modo. Cerco di spiegarmi meglio...il grafico(che proviene dalla NASA)mostra l'orbita della cometa che viaggia sulla linea blu e poi su quella celeste. Ma come mai poi ad un certo punto cambia? Può darsi che sia una domanda un pò stupida però mi piacerebbe capire.

      Saluti.
      Mario

      RispondiElimina
    94. Grazie dei complimenti Mario, ma ti assicuro che sono solo un appassionato.

      I dati della NASA sono sicuramente precisi, ma il grafico che vedi è realizzato - a partire da quei dati - con una piccola applet Java che viene eseguita direttamente sul tuo computer.

      Il software in questione va bene per le orbite ellittiche non riesce a rendere graficamente in modo corretto le orbite aperte che hanno così un'aspetto "spezzato".

      In compenso la cometa viene "animata" usando un algoritmo corretto e si muove sul "binario" giusto. Insomma, la cometa è disegnata bene; è il binario ad essere disegnato male

      Ho avuto lo stesso identico problema a tracciare l'orbita delle Elenin col programma "Celestia".

      RispondiElimina
    95. Quindi se il binario è disegnato male,è solo un problema a livello del software;cioè l'orbita è esatta ma con i software non si riesce a tracciarla precisamente...dico bene?comunque mi piacerebbe essere istruito un pò di più su questa faccenda delle comete...da sempre mi affascinano come del resto mi affascinano tutte le cose che riguardano l'astrologia e l'universo. Cosa ne pensi invece della cometa 2005 yu55?

      RispondiElimina
    96. Esatto. Alcuni software hanno questo problema. Tipicamente molti linguaggi di programmazione hanno delle istruzioni per disegnare le ellissi ma non quelle per disegnare parabole o iperboli. Così la devono approssimare con una spezzata. Quando la curva è molto accentuata, può capitare che per la spezzata vengano presi pochi punti, così l'orbita in quel tratto sembra fatta di segmenti.

      2005 yu55 è un asteroide di tipo NEO (Near Earth Objects). E' uno dei tanti che girano nei pressi del nostro pianeta e al momento non rappresenta un problema. D'altra parte sappiamo che degli asteroidi hanno colpito il nostro pianeta nel corso della sua storia ed è molto probabile che qualcuno possa colpirlo in futuro. Pensa che alcuni giorni fa uno (grande come un autobus) è passato a soli 12000 km dal nostro pianeta, il che astronomicamente parlando è pochissimo. Ecco perché il programma della NASA per mantenere monitorati gli asteroidi noti e per scoprirne dei nuovi è molto importante. Vedi qui.

      Qualche approfondimento lo trovi anche sul mio blog.

      Una questione di scala
      Pianeti rocciosi e lune
      Apophis e la fine del mondo


      Prova a sfogliarlo usando le etichette nella colonna di destra.

      P.S. L'astrologia è la dottrina di chi fa gli oroscopi. L'astronomia è lo studio del cosmo. Non ti far sentire da un astronomo confondere le due cose, se no ti morde un polpaccio! ;-)

      RispondiElimina
    97. Gabriele, inoltre ho trovato anche questo forum http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=9594&whichpage=2 dove parlano di Elenin e addirittura ci sono foto che documentano alcuni misteri riguardo la cometa. Andando giù nella discussione si leggono le opinioni e le "ricerche" fatte da un utente che si firma con l'user name di fire 32. Fa riferimenti ad un passo dell'apocalisse. Questo utente presenta delle coincidenze davvero agghiaccianti...mi daresti una tua opinione sulle foto e su quello che afferma l'utente?

      Saluti,
      Mario.

      RispondiElimina
    98. Ho confuso i due termini :-)...volevo sottoporre alla tua attenzione questo forum http://www.ufoforum.it/topic.asp?TOPIC_ID=9594&whichpage=2 che parla della cometa Elenin. Ci sono alcune foto che alimentano i misteri riguardo questa cometa e in più andando giù nella discussione c'è il commento lasciato da un utente che si firma con l'user name di Fire 32 che parla di alcune casualità citando anche l'Apocalisse. Bene, vorrei sapere cosa ne pensi delle foto e delle ipotesi di quell'utente.

      Saluti,
      Mario.

      RispondiElimina
    99. Quando vedi delle immagini a bassa risoluzione elaborate con photoshop per estrarre presunti dettagli ad alta risoluzione è *SEMPRE* una presa in giro, sia nei forum che nei film.

      Solo chi non ha la più pallida idea di come funzioni la forza di gravità può ipotizzare che la Elenin sia una nana bruna; oppure qualcuno che sa di avere a che fare con persone poco informate in materia. Per farti un'idea, posso suggerirti come combattere allineamenti catastrofici con le mele e Nibiru: quando i neuroni scioperano. Si parla fondamentalmente delle stesse cose. Vedi anche spingitori di comete.

      Lo stesso Leonid Elenin (lo scopritore della cometa) ha fatto un'animazione di cosa succederebbe, ma soprattutto di cosa già sarebbe dovuto succedere al sistema solare se la Elenin fosse una nana bruna: qui. Ti consiglio di guardare la versione ad alta definizione. Guarda soprattutto come già sarebbe dovuta cambiare l'orbita di Saturno. Qualunque astronomo dilettante si sarebbe accordo di una variazione orbitale così drammatica (te lo può confermare chiunque sappia usare un telescopio).

      Se cerchi in rete trovi le foto ed animazioni reali. Purtroppo sono sovrastate dal mare di immondizia che questi peracottari hanno diffuso ovunque, per cui bisogna stare attenti.

      Come consiglio, quando frequenti i blog ufologici verifica sempre quello che viene scritto perchè loro *NON* controllano praticamente *MAI*. Quando qualcuno ti dice che "la NASA detto" pretendi un link della NASA dove siano scritte quelle cose, non quello di un altro forum. Quando si parla di un certo scienziato, verifica che esista e che sia uno scienziato che studia quella materia. Io, nel mio piccolo, cerco di farlo. In mezzo e in fondo ai miei articoli troverai (quasi) sempre link di approfondimento che puntano ad istituzioni o pubblicazioni scientifiche credibili.

      Prova a dare un'occhiata anche qui. Troverai molti articoli interessanti.

      RispondiElimina
    100. Gabriele, ti ringrazio molto per le tue ottime spiegazioni. Se dovessi avere qualche altro dubbio o pensiero, non esiterò a fartelo sapere.

      Saluti,
      Mario.

      RispondiElimina
    101. Salve Gabriele, credici o no, sono le 4 e mezza di notte (mattina?) e mi sono appena letto tutto, dico tutto il post, compresa l'interminabile "conversazione" tra te e Tiziano. Devo dire che le tue osservazioni sono inattaccabili, persino da uno come me che ha la sventurata tendenza a cercare complotti e imminenti apocalissi. Fortunatamente ho una razionalità parimenti sviluppata, il che mi rende la vita un bel fardello, ad ogni modo ti ho voluto scrivere per ringraziarti del lavoro che svolgi sul blog, raro trovare competenza, passione e ragionevolezza tutte insieme. Resto un possibilista, ma ora decisamente meno catasrofista. Grazie. Davide

      RispondiElimina
    102. Grazie a te Davide! Più che competenza la mia è passione. Quando qualcosa non lo capisco mi ci metto d'impegno e cerco di venirne a capo coi miei mezzi. Magari non ci riesco, ma almeno imparo qualcosa di nuovo!

      RispondiElimina
    103. Grande articolo,colmo di verità finalmente!!!GRANDE!!!

      RispondiElimina
    104. Grazie Aster. Più che di verità (in fondo ognuno ha la propria) spero ci siano molti fatti!

      RispondiElimina
    105. Dici il vero Gabriele,ma volevo lo stesso farti una domanda,da "nubbio" ad esperto...so che sta per passare a 0.06 UA (9.000.000 circa) la cometa Honda/45P il 15 agosto...la domanda è: il rischio collisione cè o non cè? Ho provato a vedere un pò in giro,cè chi dice si,cè chi dice no ecc ecc...Ho provato anche ad andare sul sito della JPL,ma non mi visualizza niente dall'altro ieri,mi dice che non riesce a connettersi -.- e quindi non riesco a vedere la scala Palermo dei rischi di collisione...sta cometa è piuttosto grandicella,1.6km di diametro (ovviamente piccola se confrontata con la Hale-bopp e la Halley) però sai...non si sa mai e quindi preferisco affidarmi a un'esperto come te nella analisi del caso. Grazie già anticipatamente.

      RispondiElimina
    106. Grazie per la fiducia, ma ti assicuro che non sono un esperto!

      A me l'applet del JPL funziona.

      La Honda passa molto vicina ma "sotto" l'eclittica" per cui non c'è pericolo di impatto. E' listata tra gli incontri ravvicinati del programma NEO, ma non tra quelli a rischio di impatto.

      Chissà se si vedrà ad occhio nudo?

      RispondiElimina
    107. Ciao Gabriele,grazie per la deliucidazione (e sopratutto grazie per la compagnia che mi tieni coi tuoi blog la notte,visto che son vigilante notturno,cosi mi passo il tempo a leggere cose davvero interessanti). In effetti io la cometa Honda/45P non la conosco,è la prima volta che ne ho sentito parlare ma ho scoperto che è stata avvistata la prima volta nel 1948 e da lì si conosce la sua orbita (che dopo si è modificata attraverso la gravità di uno dei pianeti,non mi ricordo quale) e domani,il 15 agosto,viene a farci un salutino da vicino...spero che si veda almeno un minimo,sarebbe uno bello spettacolo (ma non troppo da vicino ne xD),le comete son bellissime,anni fa vidi la Halley se non erro,nel 1997,era ENORMEEE...si vedeva perfettamente nel cielo ed è rimasta visibile per diversi giorni,era a 0.9 UA con il suo diametro di 60km (gigantesca mamma mia),per cui facendo un calcolo di logica,avrebbe dovuto essere più pericolosa la Halley rispetto la Honda (che è uno scriciolo a confronto) seppur essa passa da noi a "soli" 0.06 UA (9.000.000km circa). Io riserbo molta fiducia in te e nella JPL,son molto più tranquillo ora. Una domanda che vorrei farti però è questa: se per caso venisse scoperto un'asteroide all'ultimo minuto che porterebbe ad un'allarme E.L.E.,i governi che farebbero? Verrebbe reso pubblico in modo che l'umanità possa almeno tentare di salvarsi o verrebbe occultato fino all'impatto esponendoci tutti alla distruzione totale senza aver manco tentato quel minimo possibile di salvezza?

      RispondiElimina
    108. Ah dimenticavo...ti posto una discussione del "discutibile" sito abovesecret http://www.abovetopsecret.com/forum/thread236133/pg5

      RispondiElimina
    109. @aster

      era la Hale Bopp: davvero bellissima!

      Non ho idea di come reagirebbero i governi, ma credo che sarebbe molto difficile tener segreta la notizia.

      Gli asteroidi pericolosi sono quelli grossi, che sono anche i meglio visibili. A questo aggiungi che tantissimi sono scoperti da appassionati, proprio perché a guardare il cielo c'è tanta gente, o da telescopi gestiti da ricercatori che hanno a che fare con le università e non coi governi.

      D'altra parte il programma NEO serve proprio per poter gestire le situazioni con un po' di preallarme.

      E se fosse un bestione tale da mettere a rischio la vita sul pianeta credo proprio che si tenterebbe di tutto. Ci sarebbe bisogno di uno sforzo congiunto. Ma giù persone sono coinvolte, più è difficile che qualcosa non trapeli. Certo l'ordine pubblico sarebbe veramente difficile da gestire, ma sarebbe il minore dei mali.

      Sinceramente, non so.

      RispondiElimina
    110. Ah è vero..che figuraccia...era la Hale Bopp...mi son confuso. Il programma NEO è menzione di onore per il lavoro che fa,peccato solo i pochi fondi destinati ad esso,è proprio vero quello che dice il tizio in Armageddon "il nostro budget per il centro anti-collisione ci permette di sorvegliare solo il 3% del cielo,e con tutto il rispetto signore,il cosmo ha un culo enorme"...secondo me dovrebbero stanziare più fondi per queste ricerche perchè ho letto in giro che ci son appena (gli astronomi dedicati allo spaceguard) 100 persone (poi chiaramente si aggiungono anche gli appassionati ma che non li ricercano direttamente,ma li avvistano per puro caso). Oggi i NEO conosciuti son ovviamente monitoriati e studiati,ma il timore è appunto che qualcosa sfugga. Per ora ho visto nella scala palermo solo 1 asteroide che "potrebbe" collidere,il Apophis,nel 2036 che però non porterebbe alla distruzione totale (diametro 400m) ed ho eseguito una simulazione con esso...farebbe danni a scala regionale,cosa pur sempre gravissima ma meno disastroso che se venisse avvistato all'ultimo (sempre come nel film Armageddon) un'asteroide enorme che rischierebbe di estinguerci tutti. Che poi è interessante il fatto che,mettiamo un asteroide di "soli" 10km,avrebbe una forza cinetica tale,da distruggere mezzo pianeta con la forza d'urto e il resto nell'inverno nucleare generata dai detriti nella atmosfera...certo che la atmosfera è un'arma a doppio taglio...da una parte ci protegge,ma in quel caso ci distruggerebbe.

      RispondiElimina
    111. Ciao Gabriele,finalmente son riuscito ad aprire l'applet della JPL ed accedere ai dati close-approach della cometa Honda/45P ed ho visto che è passata poco dopo le 9:00 ora italiana dal punto più vicino,a 0.06UA ma temo che sono sarà visibile ed è un vero peccato,sarebbe stato bello vedere quella scia luminosa nel cielo. Tu sai dirmi quando ci sarà nuovamente uno spettacolo minimamente simile come quella nell'anno 1997 prodotto dalla Hale-Bopp? Si prevede che la Elenin sarà visibile a occhio nudo o con un cannochiale,ma sarà relativamente piccola.

      RispondiElimina
    112. Magari lo sapessi!

      Con le comete è difficilissimo far previsioni. La Hale-Bopp era "nuova" e si capì che doveva essere grandiosa già quando era lontana. Mi ricordo che la notai una notte mentre tornavo a casa con dei miei amici. Stavamo salendo in macchina e per puro caso vidi questa stella sfocata. Lì per lì non le diedi più peso di tanto, ma a casa controllai se c'era una cometa in vista: era lei! Fu visibile per mesi e mesi. Era enorme ma passò lontano. Nel 2007 c'è stata la McNaught. Fu visibile solo all'emisfero Sud e luminosissima: -5 e passa, incredibile. Dicono che la Ikeya-Seki del 1965 fosse addirittura visibile di giorno.

      Queste però sono tutte "nuove". Quelle note a corto periodo non sono mai particolarmente spettacolari.

      Si può fare una stima statistica. Vedi: la lista delle "grandi comete" e la lista delle comete più luminose dal 1935. Nell'ultimo link dice che in media una cometa più luminosa della magnitudine 0 passa circa ogni 15 anni, ma c'è molta variabilità. Si fanno desiderare!

      Secondo me dalle nostre parti, con l'inquinamento luminoso che c'è, sarà difficile vedere la Elenin. Però magari diventa iperattiva passando al perielio e diventa luminosissima! Ancora un po' ci spero.

      RispondiElimina
    113. Wow vedo che finalmente sto blog ha preso un po' di mano.
      vedrai che pian piano diventera meglio di blogosfere.

      Peccato che moriremo tutti, tra Elenin, Maya, mia nonna , Ufo, mejugorje, santi e Matteo montesi, sicuramente non avremo via di scampo.

      xo' pensa se fosse tutto vero, avresti passato tutta la vita a creare sto blog x niente, per poi prenderti un meteorite nella capa...

      hhahaha!!!!

      nice life :-)

      RispondiElimina
    114. devi approvare i commenti??? coda di paglia??

      RispondiElimina
    115. Per gli articoli più vecchi di tre settimane ho impostato la moderazione automatica onde evitare spam, insulti e altri spiacevoli inconvenienti. In realtà lascio passare tutto tranne lo spam.

      Non so chi sia il Matteo di cui parli ma sicuramente lo temo più della cometa Elenin e di Medjugorje, qualunque cosa faccia nella vita. Dici che devo preoccuparmi? ;-)

      RispondiElimina
    116. Gabriele, scusami davvero... Ma non capisci nulla, scimmi otti gli scientisti, che sono già scimm ie loro stessi...;)

      RispondiElimina
    117. Anonimo, è senz'altro come dici tu ma tutto sommato mi va ancora bene: pensa se dovessi ridurmi a scimmiottare uno come te. E complimenti per aver enfatizzato che la radice di "scimmiottare" e di "scimmie" è la stessa! Il fatto che tu ne abbia sentito l'esigenza è molto indicativo...

      RispondiElimina
    118. Ciao Gabriele qualche tempo fa abbiamo parlato riguardo la cometa Elenin..qualche giorno fa ho letto che la cometa è stata investita da una pioggia solare e ha perso intensità e c'è probabilità che il nucleo si stia sciogliendo...è vero??
      spero di ricevere presto notizie..

      Saluti Mario.

      RispondiElimina
    119. Ciao Mario!

      Sì, sembra proprio che una tempesta solare abbia innescato un processo di disgregamento irreversibile nella cometa Elenin. Tra l'altro l'evento è stato ripreso in diretta dalla sonda Stereo. C'è una discussione con diversi link nei commenti dell'articolo "Cometa Elenin - FAQ".

      In sintesi, lo scopritore della cometa da quasi per certo che si stia sbriciolando. Se è così, della Elenin resteranno solo piccoli frammenti che magari - tra 10.000 anni - daranno luogo a una pioggia di stelle cadenti.

      RispondiElimina
    120. Ancora una volta grazie per le tue risposte esaudienti!

      Saluti, Mario.

      RispondiElimina

    LinkWithin

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...