mercoledì 31 agosto 2016

La triste fine dei lunacomplottisti - parte 4

Lunacomplottista
La faccio breve. Gli approfontimenti e le puntate precedenti li trovate in fondo.

I lunacomplottisti sono quelli che non credono che l'uomo sia mai stato sulla luna e pensano che il programma Apollo sia stato un complotto del governo statunitense per ingannare la nazione e il mondo. Non è chiaro lo scopo di tutto ciò, visto che economicamente sarebbe costato molto meno andare sulla Luna che organizzare e il complotto e far tenere le bocche cucite a tutti i partecipanti per più di quarant'anni, ma tant'è.

Nel 2009 la NASA ha spedito intorno alla Luna il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) con lo scopo di mapparne nel dettaglio la superficie e raccogliere altri dati scientifici in preparazione di un ritorno in grande stile dell'uomo sul nostro satellite naturale. La sonda, in orbita polare, ha fotografato la superficie della Luna da quote sempre più basse e la risoluzione elevata degli strumenti di bordo ha permesso di vedere i siti di atterraggio della missione Apollo. Negli articoli precedenti ho mostrato come queste immagini coincidano perfettamente con le riprese fatte dall'interno del modulo lunare nelle fasi di allunaggio e di decollo.

Sul sito complottilunari.blog.spot.com di Paolo Attivissimo, giornalista scientifico e debunker, ho scoperto che però, almeno nel caso dell'Apollo 15, il sito dell'allunaggio era stato fotografato anche dall'orbiter della missione. La storia di questa foto è descritta nel dettaglio nell'articolo di Paolo linkato prima.

Qui metto solo a confronto la foto del 1971 e l'immagine ripresa dal Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) nel 2012. Nel dettaglio del 1971 ho corretto leggermente luminosità e contrasto. In quella del 2012 ho modificato leggermente la prospettiva (operazione necessaria perché le due foto sono state prese da angolazioni differenti). Si tratta di una GIF animata e per questioni di spazio e di tempi di caricamento ho anche dovuto ridurre le dimensioni e la profondità del colore. Il risultato è questo:
Non mi sembra che ci sia bisogno di alcun commento.

Approfondimenti:

venerdì 26 agosto 2016

Io ho ragione...

“prima ti ignorano,
poi ti deridono,
poi ti combattono,
poi vinci”
(Gandhi, parlando
della nonviolenza)
La logica del complottista e del crackpot:
  • se ignorano quello che dico è per minimizzarlo, perché io ho ragione;
  • se non replicano alle mie domande scomode sulle loro verità ufficiali è perché io ho ragione;
  • se mi deridono o mi trattano con sufficienza è per screditarmi, perché io ho ragione;
  • se portano argomenti razionali e logici contro quello che dico è per sommergere con un fiume di parole vuote la mia Verità e nascondere il fatto che io ho ragione;
  • se la scienza o la stampa confermano quegli argomenti è la prova che c'è un complotto, che l'establishment è contro di me e che tutti temono la mia Verità, perché io ho ragione.
Ah, quasi dimenticavo... Se l'ipotesi che io possa aver torto non è minimamente contemplata è solo perché io ho ragione.

domenica 19 giugno 2016

I vantaggi di una cultura scientifica

Avere una cultura scientifica ti permette di capire quando qualcun altro ha la testa piena di cazzate.

Neil deGrasse Tyson

mercoledì 15 giugno 2016

Viviamo in una società scientifica?

Neil deGrasse Tyson, astrofisico

“Il problema della società non è che i bambini non conoscono la scienza. Il problema sono gli adulti che non conoscono la scienza. Superano in numero i bambini di 5 a 1, detengono il potere e scrivono le leggi. Avere adulti scientificamente ignoranti significa minare le fondamenta stesse di ciò che rende una nazione ricca e forte.”
Neil deGrasse Tyson

giovedì 5 maggio 2016

Diventare uomini: una linea crono-genetica dell'evoluzione umana

Il cra­nio chia­ro al cen­tro ap­par­tie­ne a un uo­mo mo­der­no, ho­mo sa­pi­ens sa­pi­ens, di 22.000 anni fa (Cro-Ma­gnon, Fra­ncia). Gli al­tri, da si­nis­tra a de­stra, so­no di un au­stra­lo­pi­te­cus afri­ca­nus (3-1,8 mi­lio­ni di an­ni fa), di un ho­mo ha­bi­lis (2,1-1,6 mi­lio­ni di an­ni fa), di un ho­mo ere­ctus (o er­ga­ster, 1,8-0,3 mi­lio­ni di an­ni fa), e l'ul­ti­mo, scu­ro, è di un al­tro sa­pi­ens sa­pi­ens di 92,000 an­ni fa (Qaf­zeh, Isra­ele).

Ri­­as­­su­­me le tap­­pe del­­la no­­stra evo­­lu­­zio­­ne non at­tra­ver­so i ri­tro­va­men­ti pa­leon­to­lo­gi­ci e le da­ta­zio­ni geo­lo­gi­che, ma ri­per­cor­ren­do nel cor­so dei mi­lio­ni di an­ni le mu­ta­zio­ni ge­ne­ti­che che ci han­no re­si quel­lo che sia­mo.

Eccolo qui, tradotto, adattato e integrato.

I sem­pli­ci pas­si che ci han­no re­si uma­ni


Nel cor­so di di­ver­si mi­lio­ni di an­ni, le an­ti­che scim­mie si so­no gra­dual­men­te evo­lu­te in es­se­ri uma­ni. Ec­co i cam­bia­men­ti chia­ve che han­no spe­ri­men­ta­to in que­sto lun­go cam­mi­no evo­lu­ti­vo...

martedì 12 aprile 2016

L'equazione dell'amore (ovvero l'entanglement demistificato)

Fate un esperimento e cercate su google “equazione dell'amore”. Troverete dei riferimenti all'equazione di Dirac, uno dei capisaldi della meccanica quantistica, e la sua presunta spiegazione che riporto testualmente: «Se due sistemi interagiscono tra loro per un certo periodo di tempo e poi vengono separati, non possono più essere descritti come due sistemi distinti, ma in qualche modo, diventano un unico sistema. In altri termini, quello che accade a uno di loro continua ad influenzare l’altro, anche se distanti chilometri o anni luce».

Detta così suona fantastica. Due sistemi/entità/cose/persone che interagiscono per un po' sono legate per sempre da un vincolo invisibile che agisce a qualunque distanza. L'ammóre, la telepatia, la preghiera, la precognizione, gli amuleti, la sincronicità, ecc. sarebbero tutti spiegati dall'equazione di Dirac e quindi dalla fisica quantistica... Non è bellissimo tutto ciò? È talmente bello che c'è addirittura chi l'equazione di Dirac se l'è tatuata addosso.

Mi sono spesso chiesto dove e quando sia nata questa stronzata...

giovedì 3 marzo 2016

Cialtronate quantiche, parte 1

Secondo il vocabolario on-line Treccani, il termine “mistificazione” è un sostantivo femminile che significa “Distorsione, per lo più deliberata, della verità e realtà dei fatti, che ha come effetto la diffusione di opinioni erronee […] al fine di trarre vantaggio dalla credulità altrui”.

Se qualcuno distorcesse deliberatamente le vostre idee e le vostre parole, usandole a sproposito per vendere qualcosa a un pubblico ignaro direste che è un mistificatore, un imbroglione.
Ciondoli quantici: roba per chi se la merita?
È quello che avviene quotidianamente sui siti newage, che saccheggiano le idee e la terminologia scientifica, in particolare della meccanica quantistica, alterandone in significato, usandoli per suggerire inesistenti relazioni di causa-effetto, per sdoganare pensiero magico e wishful thinking, per dare una parvenza di scientificità a dottrine improbabili ma soprattutto per alimentare un enorme mercato di prodotti inutili venduti a caro prezzo (corsi, libri, integratori, oggettistica, talismani, amuleti, ecc.)

Se io vi proponessi di vendervi un ciondolino con incastonati dei vetrini colorati, dicendovi che potrebbe aiutarvi a migliorare il vostro benessere, aumentando la vostra energia perché armonizza le vibrazioni quantiche della vostra mente con la frequenza di Radiomaria risonanza terrestre di Shumann e con quella della radiazione cosmica di fondo voi cosa fareste? Direste che sono un ciarlatano e che è una truffa, chiaramente, ma di oggetti del genere ce ne sono in vendita a migliaia, e spesso a prezzi non proprio popolari. Provate a cercare “quantum pendant” su Google. Oppure pensate al braccialettino di gomma che tanti gonzi si sono comprati qualche anno fa.

Non sopporto i mistificatori e per questo motivo dedicherò qualche pezzo ai cialtroni quantici. Comincio con la seconda parte di un un articolo del fisico Lawrence Krauss, pubblicato sul numero di settembre 2010 sulla prestigiosa rivista “Scientific American” (ultimo di dodici da cui il titolo “un anno vissuto pericolosamente”)…

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...