venerdì 29 novembre 2013

Contrordine! ISON forse è ancora viva!

A quanto pare la ISON ha beffato l'occhio elettronico del Solar Dynamics Observatory ed è sopravvissuta al passaggio al perielio. Ecco una fantastica sequenza animata di fotogrammi di SOHO, uno degli altri osservatori solari automatici della NASA che era pronto a rilevare l'evento:



La banda orizzontale che si vede attorno alla chioma della cometa mentre è in fase di avvicinamento è un effetto di diffusione dovuto alla sua forte luminosità. La diagonale nera è il supporto dell'occultatore, quel cerchio scuro con dentro una circonferenza bianca (il Sole in scala). L'occultatore rende cieca la parte centrale del rilevatore ma impedisce al fulgore solare di bruciarlo.

La cometa entra da destra, si tuffa nel cerchio scuro e sembra riemergerne un po' arruffata ma ancora viva dalla parte opposta. Gli scienziati pensano che una parte del nucleo possa essere sopravvissuta intatta anche se la luminosità complessiva è decisamente scesa. Non è però ancora escluso che si sia fratturato e che lo sbuffo che si vede sia dovuto ai suoi pezzi.

Se nei prossimi giorni si riformerà la coda, allora c'è ancora la possibilità che questo gelido visitatore del Sistema Solare ci regali uno spettacolo emozionante per la fine dell'anno. 

Aggiornamento del 30/11/2013: che avessero ragione i pessimisti?

Ho estratto dal sito di SOHO il filmato dello strumento LASCO C3 delle ultime 48 ore. Eccolo:
A quanto pare la luminosità sta rapidamente scendendo. Probabilmente qualcosa del nucleo della cometa è sopravvissuto al perielio ma forse si tratta solo di detriti. Per quel poco - pochissimo! - che posso capirne io, sembra che la chioma si stia disperdendo. Comincio a temere che la prima impressione fosse quella giusta ma spero proprio di sbagliarmi..

6 commenti:

  1. ciao! Ringrazio per l'aggiornamento sulla cometa e ho una domanda.
    In rete c'è chi sostiene che la cometa possa aver cambiato traiettoria e che possa diventare un pericolo.
    Può essere possibile?
    Ringrazio ancora.
    Arianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intera, frammentata o polverizzata, la traiettoria di ISON non cambia. La differenza di massa non influisce sulla traiettoria.
      In rete c'é un sacco di gente che specula su queste cose solo per avere più contatti sui loro siti sponsorizzati.
      Ciao.
      Renato.

      Elimina
    2. Confermo quello che ha detto Renato.

      Tra l'altro a prescindere da considerazioni di meccanica celeste, basta guardare il filmato per rendersi conto che non ci possono essere pericoli.

      La sonda SOHO è in orbita in un punto lagrangiano dell'orbita terrestre. Gira cioé intorno al Sole esattamente come la Terra, ma più vicina alla nostra stella di circa 1,5 milioni di km. Se tracci una linea tra il sole e la terra, ci trovi sopra anche la SOHO, leggermente staccata dalla Terra. Praticamente la SOHO è sempre girata verso il Sole con la Terra alle spalle. Il suo nord è il nostro nord e il suo sud è il nostro sud.

      Il piano orbitale della Terra è dunque perfettamente orizzontale rispetto l'immagine e passa per il Sole. Nelle immagini si vede la cometa che arriva da sotto il piano orbitale e se n'è uscita da sopra. Anche se la sua traiettoria fosse cambiata non sarebbe comunque in rotta di collisione: come potrebbe sterzare e rituffarsi in basso?

      Elimina
    3. Tanto per essere più chiari, la SOHO è praticamente una telecamera che la Terra stessa tiene puntata verso il Sole. Immagina di tenere una telecamera puntata verso un incrocio. Se un'auto sbandasse, saresti in pericolo solo se la vedessi arrivare diritta verso di te. La ISON - o quel che ne resta - sta chiaramente andandosene altrove!

      Elimina
  2. Caro Gabriele,
    Purtroppo ISON si é polverizzata, quindi niente cometa di natale.
    Sul web si parla di altre comete che dovrebbero essere già molto vicine, ne sai qualcosa?
    Ciao.
    Renato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti. Le ultime immagini di SOHO mostrano che quello sbuffo di vapori e polveri uscito dal perielio si è rapidamente dissolto. La ISON avrebbe avuto una traiettoria estremamente favorevole per l'osservazione, essendo quasi perpendicolare all'eclittica. Di altre comete in arrivo non so ma se c'è qualcosa che non manca sono le comete. Il problema è che spesso sono piccole, passano lontano da noi o dal sole o hanno traiettorie del cavolo.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...