venerdì 8 aprile 2011

Risolto il mistero del Pioneer?

Ecco tradotto un articolo di New Scientist sulla misteriosa "anomalia dei Pioneer".

La famosa targa sul Pioneer 10
Una spiegazione ordinaria per la bizzarra anomalia dei Pioneer?

Cattive notizie per chi prevedeva una spiegazione esotica alla bizzarra "anomalia del Pioneer"!

Le ultime analisi suggeriscono che la misteriosa deviazione nella rotta delle due sonde gemelle della NASA, i Pioneer, potrebbe essere dovuta a un non uniforme irraggiamento del calore nello spazio.

Lanciate negli anni 1970, i veicoli spaziali Pioneer 10 e 11 stanno uscendo dal Sistema Solare a velocità di crociera da due diverse direzioni. Come previsto, stanno rallentando a causa dell'attrazione gravitazionale del Sole. Tuttavia, la decelerazione è di 8,7×10-10 metri al secondo più forte di quanto previsto. Potrebbe sembrare un'inezia, ma questo scarto ha dato la stura ad ogni tipo di ipotesi, dall'energia oscura fino a cambiamenti nelle costanti fisiche o alla legge di gravità [oltre che la solita sequela di baggianate su Nibiru, Pianeta X, buchi neri e UFO, n.d.t. ] ...

Ora Frederico Francisco e i suoi colleghi dell'Instituto Superior Técnico a Lisbona, in Portogallo, si sono resi conto che basta una spiegazione molto più banale. Suggeriscono che il calore emesso dalle sonde non si irradi nello spazio uniformemente in ogni direzione. Un eccesso di fotoni infrarossi emessi da un lato della nave potrebbe causare una forza di rinculo sufficiente a spiegare l'anomalia.

Assemblaggio di una delle Pioneer
Uno studi del 2002 di John Anderson, che all'epoca lavorava al Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA a Pasadena, California, aveva concluso che una simile forza di rinculo avrebbe potuto spiegare solo il 6% dell'anomalia. Ma il gruppo di Francisco si è concentrato sul calore emesso da alcuni elementi poi riflesso da altri. Hanno così visto che una spinta significativa potrebbe provenire dal compartimento esagonale delle attrezzature, poi riflessa dal retro della parabola per le comunicazioni radio. Considerando gli altri contributi dovuti al calore irradiato, l'effetto complessivo potrebbe eguagliare la forza dell'anomalia (arxiv.org/abs/1103.5222).

Anderson, ora in pensione, ammette che la riflessione del calore potrebbe giustificare più del 6% dell'anomalia, ma è scettico che possa rappresentarla tutta. «Considero ogni stima superiore al 25% altamente improbabile», dice.

Dovremmo saperne di più quest'anno quando Slava Turyshev e i suoi colleghi del JPL pubblicheranno un'analisi dell'anomalia basata su dati più precisi dalle sonde.


Articolo originale: Mundane explanation for bizarre Pioneer anomaly (New Scientist)

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...